CATERINA BALIVO

Vieni da Me, Caterina Balivo si commuove in diretta: «Non so se ce la faccio»

Venerdì 11 Ottobre 2019 di Emiliana Costa
1
Vieni da Me, Caterina Balivo si commuove in diretta: «Non so se ce la faccio»

Caterina Balivo mette la testa tra le mani e inizia a piangere durante l'intervista. «Non so se ce la faccio...». La conduttrice oggi ha avuto un momento di grande commozione durante un'intervista a Vieni da Me

LEGGI ANCHE Vieni da Me, Marco Tardelli litiga in diretta con Caterina Balivo: «Non offendere»
 


Caterina Balivo ha intervistato Veronica, una ragazza 24enne, che nel 2002 ha vissuto la tragedia del terremoto di San Giuliano di Puglia. Quando una scuola crollò, causando la morte di 27 bambini e una maestra. Veronica rimase otto ore sotto le macerie. Ecco la sua testimonianza: «Ho sentito un rumore forte. Ho visto le finestre rompersi una per volta. Una parte enorme di parete mi è venuta addosso. Ho perso i sensi e mi sono svegliata con la testa sotto a un tavolo».

LEGGI ANCHE Vieni da Me, Valeria Marini crede a Pamela Prati: «È stata plagiata, giusto difenderla»

Durante il racconto Caterina Balivo inizia a commuoversi, portando le mani sul viso. Poi la ragazza racconta del momento in ospedale, quando in un'unica stanza piena di feriti l'hanno iniziata a medicare. «Mi hanno dovuto rianimare...». Nel sentire quel racconto così tragico, la conduttrice ha portato le mani sul volto, apparendo molto commossa. Poi Caterina Balivo deve lanciare il filmato dei funerali dei bambini, ma chiede a Veronica se se la sente di vederlo: «Io non so - dice commossa Caterina - se ce la farei». L'intervista si conclude con un sorriso. «Mi sono appena laureata - dice Veronica - e sono diventata maestra, voglio aiutare i bambini».

Ultimo aggiornamento: 18:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma