Totti, Verdone, Tiziano Ferro e Cracco: ecco i talenti italiani scelti da Amazon Prime Video

Giovedì 23 Gennaio 2020 di Paolo Travisi

Francesco Totti, Carlo Verdone, Tiziano Ferro e Carlo Cracco. Un poker di talenti italiani, scelto da Amazon Prime Video per ampliare l'offerta di prodotti televisivi all'interno della piattaforma di streaming che guarda sempre di più ad una platea glocal. Spettatori globali, con identità locali. Una presentazione in grande stile, quella di Roma in cui i vertici di Amazon Studios, tra cui la numero uno Jennifer Salke, sono intervenuti per raccontare alla stampa le produzioni italiane che gli abbonati potranno vedere nel 2020.
 

 

Tre quelle di punta e destinate al grande pubblico. La serie tv Vita da Carlo con Carlo Verdone, che sbarca per la prima volta nella sua quarantennale carriera, nel mondo delle serie, Ferro il docu-film che racconta il Tiziano Ferro privato. E Dinner Club, con lo chef stellato di Carlo Cracco. E non possiamo dimenticare Francesco Totti, che farà parte del format Celebrity Hunted, il primo programma italiano di Amazon a partire nel 2020 (il 13 marzo).

Ma andiamo con ordine. “Da donna che lavora e mamma, sapevo quali programmi avrei voluto vedere come abbonata Prime”, racconta nella presentazione Jennifer Salke, Head of Amazon Studios, arrivata recentemente nel colosso dopo altre esperienze nel mondo dell'entertainment “abbiamo bisogno di contenuti elevati, non dobbiamo solo riempire la piattaforma come se fosse una catena di montaggio, non abbiamo questo obbligo. Per questo vogliamo creare contenuti locali e lo stiamo facendo anche in Italia, pur accertandoci che i grandi show globali attirino il pubblico locale.

Nel nostro paese il servizio streaming di Amazon “è arrivato circa tre anni fa” precisa Georgia Brown, Director of European Amazon Originals Amazon Studios “siamo concentrati sulla qualità e vogliamo trovare nuove voci nell’industria italiana, per questo ci stiamo concentrando su produzioni originali”.

Il primo progetto ad arrivare sarà Celebrity Hunted - Caccia all'uomo, un reality innovativo in cui i 14 personaggi che partecipano dovranno fuggire, contando su appoggi ed amicizie. E tra i concorrenti ci sarà Francesco Totti, che per la prima volta partecipa ad un reality, insieme a Fedez, Claudio Santamaria, Francesca Barra, Costantino della Gherardesca, solo per citarne alcuni. "E' un reality diverso dai soliti, si basa su ragionamento e strategia, non volevamo far litigare o innamorare i partecipanti, ma li abbiamo costretti a fuggire per l'Italia senza usare i social per 14 giorni e tra l'altro abbiamo reso Fedez super-simpatico" spiega Nicole Morganti, Head of Unscripted Originals Italy Amazon Studios. "Francesco Totti ha fatto un percorso coerente con la sua carriera e vita, si è triangolato molto bene tra calcio, famiglia ed amici, una rete di contatti che gli ha permesso di muoversi bene", ha aggiunto Dante Sollazzo, Head of Unscripted Endemolshine Italia.

Il prodotto che suscita più curiosità è Vita da Carlo, una serie comedy in cui il protagonista è l'attore-regista romano, che interpreterà se stesso, la sua quotidianità, in 10 episodi prodotti dalla Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis.
"Bisogna guardare al futuro e sono contento di far parte del progetto. Penso sia divertente perché sento di avere grande libertà nel raccontare senza freni il mio privato. Me ne capitano davvero di tutti i colori con i fan, con la gente che incontro per strada, infatti con me ho sempre un taccuino dove scrivo tutto quello che accade" racconta Verdone in conferenza stampa, che non può non abbandonarsi al racconto di qualche aneddoto. "La settimana scorsa mi suonano a casa, ero convinto che fosse il portiere, invece entrano cinque addetti dell'Enel col telefono in mano che riprendono con un video casa mia, e mi fanno salutare al telefono mamma Rosa che stava a casa ingessata. Vorrei raccontare gli episodi degli ultimi 10 anni, momenti importanti e divertenti, ma sono convinto anche che questa serie mi aiuterà a capire meglio chi sono. Voglio essere sincero, raccontare cosa ho vissuto e subito, ma soprattutto il rapporto con gli altri, come fosse una sorta di autoanalisi, con la speranza di tradurre questi momenti non solo per il pubblico italiano, ma a livello internazionale, altrimenti il rapporto di lavoro con Amazon non avrebbe senso". 

E l'altro asso nella manica di Amazon è Tiziano Ferro, che si racconta in Ferro, un docu-movie (in arrivo a fine giugno) in cui la popstar, che da Los Angeles manda un video saluto, "racconterò un pezzo della mia vita che non sono riuscito a far emergere con la musica, i libri e le interviste. Questo film sarà una finestra aperta sul mio mondo, sui miei affetti, sul mio lavoro e permetterà al pubblico di conoscermi ancora di più, sia sul piano artistico sia su quello personale". “Ferro non è un documentario autocelebrativo ma un ritratto senza filtri – ha spiegato Francesco Lauber, Chief Creative Officer, Banijay Italia - parte del racconto sarà in Italia, ma ci saranno anche le immagini emozionanti dei due matrimoni, a Sabaudia e Los Angeles.

Il quarto progetto legato all'Italia è invece Dinner Club, un travelog culinario, a metà strada tra un viaggio ed una cena tra amici, con lo chef stellato Carlo Cracco, che intraprenderà un viaggio con sei famosi attori e comici italiani (tra cui Luciana Litizzetto e Sabrina Ferrilli) attraverso il Giappone, il Vietnam, la Francia, la Spagna, il Perù e il Messico alla scoperta dell’arte culinaria esotica con lo scopo di imparare dai migliori chef del mondo a realizzare la cena perfetta. "Esplorare è la mia prima passione, il motivo per cui ho scelto di fare il cuoco, viaggiare per conoscere territori e culture diverse, quindi è un ritorno alle origini - ha detto Cracco durante la presentazione - i personaggi che saranno con me, vivranno anche delle difficoltà, perché saranno i miei aiutanti in cucina, ma non sarò con loro per giudicare, ma per scoprire e far conoscere".

Infine c'è spazio anche per una serie originale, Bang Bang Baby, la prima fiction italiana Amazon Original, un crime ambientato a Milano alla fine degli anni Ottanta che racconta la storia di Alice – interpretata dal giovane talento Arianna Becheroni – un’adolescente timida e insicura che diventa il membro più giovane di un’organizzazione mafiosa, non per soldi, ambizione o desiderio di potere, ma per conquistare l’amore di suo padre. 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma