Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'Eredità, Massimo Cannoletta ancora campione (ma cade alla Ghigliottina da 180.000 euro)

L'Eredità, Massimo Cannoletta ancora campione (ma cade alla Ghigliottina da 180.000 euro)
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Novembre 2020, 20:11 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 11:50

Un'altra ghigliottina fallita, ma Massimo Cannoletta si conferma ancora una volta campione all'Eredità. Il divulgatore leccese è ormai in sella dal 3 novembre (lo rivedremo anche domani) e ha già vinto 185.000 euro in premi. Oggi Cannoletta ha sfiorato una vera e propria impresa alla ghigliottina: "Favore, vendita, telefono, verde, parlare", un en plein che gli ha consentito di arrivare alla prova finale senza aver visto mai dimezzare il montepremi. Ma nella card finale Cannoletta ha scritto "Camera" e non "Pubblico", la risposta corretta.

Con la puntata del 29 novembre - la parola era "Descrizione" - il campione era salito a quota 185.000 euro vinti. Oggi un altro show. Cannoletta, apparso come sempre a suo agio ha regolarmente superato tutte prove dell'Eredità di Flavio Insinna. Storia, religione, cultura generale e persino filosofia: il concorrente leccese è recentemente diventato popolare grazie al suo acume.

 

Un vero campione che stavolta arrivava al triello, partendo dalla domanda "A quale filosofo greco è attribuito il famoso panta rey, tutto scorre? Ci pensa poco, Massimo, e risponde sicuro: "Eraclito". «Ennesima risposta esatta, chiosa Insinna». Insomma, le indovina tutte: è chiaro che il ringhio del leopardo ha dato il caratteristico suono alla macchina di Ghostbusters (1984) ed è il basco la lingua europea il cui ceppo non è conosciuto: "Nemmeno da Massimo", ha scherzato Insinna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA