Fiorello a Viva RaiPlay: «Io, a 60 anni il nuovo che avanza»

Martedì 29 Ottobre 2019 di Tiziana Lupi

La televisione generalista lo ha lanciato e ne ha fatto una star. E lui continua a frequentarla, seppure part-time: «Certo che andrò a Sanremo», ha confermato Fiorello nella conferenza stampa di presentazione della sua nuova avventura, Viva RaiPlay! che si è tenuta ieri nella sede di Radio Rai, in via Asiago. «Amadeus ed io ce lo eravamo promesso tanti anni fa, quando eravamo giovani, belli e scapoli a Milano. Probabilmente verrà anche Jovanotti».

Il ritorno di Fiorello: «Riparto da VivaRaiPlay»

IL MAESTRO
Nell'attesa della reunion sul palco dell'Ariston, lo showman siciliano sta per partire per una nuova avventura. La Rai gli ha affidato il compito di alfabetizzare, digitalmente parlando, il pubblico televisivo. Una sorta di maestro Manzi 2.0, che dovrà spiegare cosa (e come) si può trovare su RaiPlay. Lo farà a suo modo, con uno show: Viva RaiPlay!, cinque brevi puntate su Rai1 alle 20,30 dal 4 all'8 novembre e una serie di appuntamenti trisettimanali (mercoledì, giovedì e venerdì alle 20,30) su RaiPlay, il cui meglio di sarà poi proposto la mattina del weekend su Rai Radio2.
L'orario della trasmissione su RaiPlay è, in realtà, relativo perché quello che è sul web lo si può vedere quando e dove si vuole: Fiorello vi segue sullo smartphone o sul tablet promette il comunicato stampa. «Mi sto allenando a non dire più buongiorno e buonasera» ha scherzato Fiorello che, chiacchierando con i giornalisti, ha offerto un assaggio di quello che sarà Viva RaiPlay!. Una battuta dopo l'altra: dall'amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini («Io lo chiamo ad come se fosse il nome ma, occhio, ad è anche l'inizio di addio») ai risultati delle elezioni regionali in Umbria («La direttrice di Rai1 Teresa De Santis oggi non c'è perché è andata in Umbria a festeggiare. Non vorrei sembrare blasfemo ma sembra che San Francesco abbia lacrimato mojito!»); dal nome di RaiPlay («Hanno sbagliato a chiamarla così, richiama la replica. Bisognava chiamarla Raiflix») ai possibili ospiti del suo show: «È più facile che venga il presidente Mattarella a fare Giggino e Giggetto che Barbara D'Urso con le luci normali».
 

I PROTAGONISTI
Battute a parte, difficile capire bene cosa sarà Viva RaiPlay!: «Un varietà ma nel senso della varietà di cose. Si dislocherà tra la sala A e la sala B di via Asiago ma anche in qualche studio radiofonico e all'esterno del palazzo di Radio Rai». Qualcosa di definito, però, già c'è. Il cast, ad esempio: accanto a sé Fiorello avrà non solo l'immancabile maestro Enrico Cremonesi e i Gemelli di Guidonia ma, anche, la giovane star del social network Tik Tok Luciano Spinelli, diciannove anni e sette milioni di follower, gli Urban Theory, nati a Italia's got talent e il rapper e cantautore italiano Danti. Poi, naturalmente, ci saranno gli ospiti, a partire dall'amico Jovanotti: «Ci troviamo talmente bene che magari potrei fare un'intera puntata solo con lui», ha anticipato lo showman che ha accennato anche al desiderio di invitare qualche politico: «Ma dovrei trovare una chiave nuova per intervistarli».

LE CERTEZZE
C'è anche un'altra certezza: «Ho quasi sessant'anni e sono il nuovo che avanza» è la battuta che, tuttavia, racchiude una verità. O, meglio, un dubbio: è possibile ipotizzare che Fiorello, pur con tutta la sua popolarità, riesca a richiamare su RaiPlay quel pubblico giovane che naviga tra Netlix, Amazon e YouTube, come qualcuno a viale Mazzini auspica a fronte del cospicuo investimento fatto? La risposta, assai onesta, è dello stesso showman: «I giovani, se arriveranno, saranno una conseguenza. Noi vogliamo portare su RaiPlay il pubblico di una certa età che considera a priori il web qualcosa di lontano da sé. Come mia madre che, a 84 anni, ha appena scoperto di poter rivedere su RaiPlay La Piovra ogni volta che vuole».
Per chi volesse informazioni su RaiPlay la Rai metterà a disposizione il numero verde 800.938362. Da domani, inoltre, le reti generaliste trasmetteranno appositi tutorial. Diversamente dal solito, per vedere Viva RaiPlay! non sarà necessaria la registrazione.
 

Ultimo aggiornamento: 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani