CORONAVIRUS

Djokovic: «Fraintese le mie buone intenzioni, mai messa in discussione la quarantena»

Mercoledì 20 Gennaio 2021
Djokovic: «Fraintese le mie buone intenzioni, mai messa in discussione la quarantena »

Novak Djokovic ha pubblicato sui suoi profili social una lunga lettera per difendersi dalle critiche per le sue richieste al direttore degli Australian Open, Craig Tiley, riguardo alla quarantena dei 72 atleti confinati nelle camere d'albergo a Melbourne.

«Australia, alla luce delle recenti critiche da social e media per la mia lettera a Craig Tiley, vorrei chiarire alcune cose. Le mie buone intenzioni per gli altri atleti a Melbourne sono state fraintese come egoiste, difficili e ingrate. Niente di più lontano dalla realtà. Non tutti i fatti vengono presi per il loro valore e nel momento in cui vedo le conseguenze, io tendo a chiedermi se dovrei semplicemente sedermi e godere dei miei benefici anziché fare attenzione ai problemi delle altre persone» prosegue Djokovic nel post.

«Comunque, scelgo sempre di fare qualcosa e mettermi a disposizione nonostante le sfidanti conseguenze e i fraintendimenti. Veramente tengo agli altri giocatori e capisco anche molto bene come il mondo stia andando e chi diventa più grande e migliore e perché ho guadagnato i miei privilegi con fatica, e per questo, è molto difficile per me essere un mero spettatore sapendo quanto ogni aiuto, gesto e buona parola importava a me quando ero piccolo e insignificante nella graduatoria mondiale. Quindi, uso la mia posizione privilegiata per essere quanto più a disposizione possibile quando e dove richiesto».

«Ho sempre avuto un’ottima relazione con Craig e rispetto e apprezzo tutti gli sforzi che sta facendo per fare degli Australian Open un posto a cui guardare per tornare ogni anno. Nel nostro scambio di email ho sfruttato l’opportunità di fare un brainstorming sui possibili miglioramenti che possono essere messi in atto per la quarantena dei giocatori a Melbourne che erano in completo lockdown. C’erano alcuni suggerimenti e idee che ho raccolto da altri giocatori della nostra chat di gruppo e non c’era alcun problema a provare e aiutare. Ero conscio del fatto che le possibilità che i nostri suggerimenti venissero accettati. Dal momento che non potevo essere con gli altri a Melbourne, mi sono reso disponibile per loro se necessario. Capisco che organizzare eventi sportivi internazionali durante la pandemia metta a rischio la salute della comunità locale e dei giocatori stessi. Voglio esprimere la mia gratitudine a Tennis Australia, il governo australiano e i cittadini locali per prendersi il rischio per amore del gioco», ha precisato Djokovic, che ha aggiunto come sia passata un’impressione sbagliata sui giocatori, che arrivano in «Australia semplicemente per competere nessuno di noi ha mai messo in dubbio i 14 giorni di quarantena a differenza di quanto detto dai media».

Djokovic aveva inviato una lettera al capo di Tennis Australia Tiley con un elenco di richieste riguardanti le condizioni di quarantena dei giocatori tra cui un notevole allenamento delle restrizioni. I giocatori e i loro staff sono stati messi in isolamento, senza poter lasciare le loro stanze d'albergo per allenarsi, dopo che diverse persone su tre voli charter dell'Australian Open sono risultate positive al Covid-19. Il primo Slam della stagione dovrebbe iniziare l'8 febbraio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA