Olimpiadi 2026, per Milano-Cortina il sogno può diventare realtà: alle 16 il voto

Lunedì 24 Giugno 2019 di Alda Vanzan

LOSANNA Giancarlo Giorgetti racconta di aver fatto le prove. In tenuta olimpica griffata Armani, il sottosegretario con delega allo Sport spiega ai cronisti che si è preparato a rispondere alle domande che oggi, prima della votazione che vedrà l'assegnazione dei Giochi invernali 2026 a Milano-Cortina o a Stoccolma-Aare, potrebbero rivolgergli gli 82 membri del Cio. Giorgetti confida: ha preso in considerazione tutte le possibili domande, comprese quelle più ostiche, a cominciare dai dubbi sulla tenuta del governo gialloverde e, soprattutto, l'assenza di Torino in questa candidatura delle Dolomiti italiane. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio si aspetta di tutto: «Il nostro dossier è talmente migliore che ci attaccheranno su punti che magari non c'entrano nulla». E arriva a dire che l'opposizione che ci sarà qui a Losanna sarà molto più dura di quella riservata al governo: «Ovvio, quella non c'è».

Giochi 2026, Mattarella: «Con Milano-Cortina la passione olimpica cresce». Conte: «Sogno di tutta l'Italia»
Giochi 2026, Lindsey Vonn si schiera: «Votate Cortina, è il massimo»
 

La vigilia del verdetto a Losanna si consuma tra incontri tecnici, cerimonie, cocktail. In mattinata il presidente del Cio Thomas Bach ha inaugurato la nuova casa olimpica da 129 milioni di euro in occasione dei 125 anni della fondazione del Comitato da parte di Pierre de Coubertin nel 1894. Nel primo pomeriggio la delegazione di Milano-Cortina si è spostata al Swiss Tech Convention Centre per preparare le due presentazioni della candidatura: quella tecnica di stamattina che vedrà impegnato anche Giorgetti, e quella più emozionale, in agenda nel primo pomeriggio, che vedrà la presenza del premier Giuseppe Conte e il video messaggio del Capo dello Stato, due minuti durante i quali Sergio Mattarella esprime «pieno sostegno» a Milano-Cortina. La sensazione è di avere le carte in regola, ma, come dice Giorgetti, «ci può sempre essere un infortunio».

I TIMORI
Stoccolma-Aare preoccupa più che altro per un motivo: la Svezia non è mai riuscita a farsi assegnare i Giochi invernali. Ci ha provato più volte, invano. Stavolta ci conta, tant'è che a capo della delegazione si è messa la principessa Vittoria. E siccome tra i 95 membri del Cio - ma tra esclusioni (italiani e svedesi), sospensioni e defezioni i votanti sono solo 82 - ci sono parecchie teste coronate, ecco che la presenza della principessa ereditaria testimonia l'attivismo degli avversari. E anche un po' di nervosismo se si pensa che il capo della comunicazione della candidatura svedese, Rikard Bjork, ha spiegato così le richieste del Cio di avere maggiori chiarimenti sul villaggio olimpico e sulle garanzie: «Non hanno capito». Tant'è, la preoccupazione della vigilia è arrivata a far dire a Giuseppe Sala di prendere in considerazione la prospettiva di accettare un secondo mandato da sindaco di Milano: «Noi siamo un Paese in cui il governo cambia abbastanza velocemente e questo può turbare un po'. Abbiamo fatto presente come il governatore della Lombardia Attilio Fontana sia all'inizio e io potrei fare un secondo mandato. Insomma, possiamo garantire localmente la presenza. E questo per loro è importantissimo». Dove loro sono i membri del Cio, quelli che oggi, alle 16 in punto, voteranno. Il governatore del Veneto Luca Zaia si dice fiducioso: «Siamo partiti in solitaria ma eravamo sulla strada giusta: oggi dietro a noi è cresciuta una foresta. Fa più rumore una pianta che cade che una foresta che cresce, ma oggi la foresta si sente e si sente bene. Ed è questa è la principale preoccupazione che hanno gli svedesi». E il presidente della Lombardia Attilio Fontana: «Abbiamo lavorato bene, in modo coeso, il dossier anche a detta della commissione di valutazione del Cio è molto bello, i posti sono fantastici. Adesso siamo nelle mani di Giove. C'è sempre il solito cauto ottimismo e spero domani molto di più. Tutto il Paese è con noi e i sondaggi lo confermano».

LA DIPLOMAZIA
Anche ieri per il presidente del Coni Giovanni Malagò è stata una giornata di relazioni con l'obiettivo di conquistare i fatidici 42 voti. «Penso che ci sia ancora un discreto numero di indecisi», ha detto. Ottimiste Sofia Goggia, Michela Moioli e Arianna Fontana, che presenteranno ai membri del Cio la candidatura. Da Roma, dove ha gareggiato nel Sette Colli, arriva il tifo di Federica Pellegrini: «Io volevo le Olimpiadi estive qua in Italia... ma anche ottenere i Giochi invernali sarebbe una cosa spettacolare».
 

Ultimo aggiornamento: 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma