Giochi 2026, Malagò a Losanna: è caccia a 42 voti

Martedì 18 Giugno 2019
Il Granduca di Lussemburgo, Henry, ed il principe ereditario del Bhutan, Jigyel Ugyen Wangchuck, sono i due reali che non saranno presenti lunedì Losanna per la Sessione del Cio che assegnerà i Giochi Olimpici Invernali 2026. Come anticipato domenica dall'ANSA quindi il quorum per la vittoria è a quota 42 voti e non 44 (considerata inizialmente dalle due candidature l'asticella da superare), visto che fonti qualificate internazionali confermano anche l'assenza della tiratrice slovacca Danka Bartekova, impegnata a Minsk nei Giochi europei. L'assenza dei due rappresentanti delle case reali viene comunque considerata in ambiente olimpico come un segnale certo non positivo per Stoccolma-Aare: a guidare la delegazione svedese ci sarà infatti la principessa Vittoria, erede al trono della monarchia, che ovviamente ha un particolare feeling col mondo delle case reali. Intanto a Losanna è arrivato il presidente del Coni Giovanni Malagò che ha iniziato i suoi contatti con i suoi colleghi del Cio per scambiare opinioni e informazioni sul dossier di Milano-Cortina, soprattutto con quei membri dei paesi non coinvolti direttamente con i Giochi Invernali. Anche la Svezia si sta muovendo nei corridoi dell'hotel che ospita i membri del Cio. La svedese Gunilla Lindberg è molto attiva e punta le sue carte soprattutto sul fatto che le Olimpiadi Invernali non sono mai state ospitate nel paese scandinavo. Malagò invece sta cercando consensi puntando sulla bontà del progetto e sul fatto che l'Italia ha rispettato tutte le regole d'ingaggio imposte dal Cio. Mancano sei giorni alla decisione: la caccia al voto è entrata nel vivo, senza esclusione di colpi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma