Nations League, il 3 marzo il sorteggio: Italia in seconda fascia

Giovedì 27 Febbraio 2020
Roberto Mancini
L'Italia della Nations League riparte dalla seconda fascia. Si svolgerà alle 18 di martedì prossimo, al “Beurs van Berlage Conference Centre” di Amsterdam, il sorteggio dell'edizione 2020/21 del torneo per Nazioni che ha debuttato due anni fa. Come in occasione della prima edizione, l'Italia parteciperà alla Lega A, ampliata da 12 a 16 nazionali e divisa in quattro gruppi da quattro squadre. Dal 3 settembre al 17 novembre 2020 si giocheranno sei gare tra andata e ritorno, con le vincitrici dei gironi che si qualificheranno per la Final four in programma nel giugno 2021.

LEGGI ANCHE --> Tutti pazzi per il calcio femminile, merito delle ragazze della Bertolini

Il sorteggio, a cui assisteranno il presidente federale Gabriele Gravina e il ct Roberto Mancini, vede gli azzurri inseriti in seconda fascia con Belgio, Francia e Spagna. Tra le possibili avversarie, l'Italia può pescare in prima fascia Portogallo, Olanda, Inghilterra e Svizzera, in terza fascia Bosnia, Ucraina, Danimarca e Svezia e in quarta fascia una tra Croazia, Polonia, Germania e Islanda.

Nella prima edizione, vinta dal Portogallo grazie al successo (1-0) in finale sui Paesi Bassi, la Nazionale di Roberto Mancini aveva chiuso il proprio girone al secondo posto, alle spalle proprio del Portogallo e davanti alla Polonia.

Questa la composizione delle urne di Lega A:
Pot 1: Portogallo, Paesi Bassi, Inghilterra, Svizzera
Pot 2: Belgio, Francia, Spagna, Italia
Pot 3: Bosnia, Ucraina, Danimarca, Svezia
Pot 4: Croazia, Polonia, Germania, Islanda

Il calendario: Prima giornata: 3-5 settembre 2020, Seconda giornata: 6-8 settembre 2020, Terza giornata: 8-10 ottobre 2020, Quarta giornata: 11-13 ottobre 2020, Quinta giornata: 12-14 novembre 2020, Sesta giornata: 15-17 novembre 2020, Finali: 2,3,6 giugno 2021, Spareggi retrocessioni: 24,25,28,29 marzo 2022. Ultimo aggiornamento: 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi