Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, Svilar ha già stregato Mourinho: in futuro prenderà il posto di Rui Patricio

Roma, Svilar ha già stregato Mourinho: in futuro prenderà il posto di Rui Patricio
di Gianluca Lengua
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 11:27

C’è un momento nella storia di ogni calciatore professionista in cui la carriera cambia radicalmente. Quello del secondo portiere della Roma Mile Svilar è stato il 18 ottobre del 2017 quando José Mourinho lo ha visto tra i pali del Benfica a difendere la porta dagli assalti del Manchester United. All’epoca Mile parte titolare e diventa – in quel momento storico – il portiere più giovane ad esordire nella competizione (aveva 18 anni e 52 giorni) battendo il primato di Iker Casillas. Una prestazione che gli ha fatto guadagnare gli applausi di un mostro sacro come lo Special One: «Per me è davvero talentuoso. Questo ragazzo è bestiale, è un fenomeno, un supereroe. Complimenti al Benfica per averlo fatto giocare subito, a 18 anni». Oggi Mile e José si sono ritrovati nella Roma, il portoghese lo ha voluto a tutti i costi e Pinto lo ha accontentato. Sarà il secondo dopo Rui Patricio, ma a differenza dello scorso anno in cui Fuzato ha totalizzato solo una presenza in Conference League contro il Cska Sofia, Svilar avrà più possibilità di essere impiegato. Magari in Coppa Italia o qualche partita di Europa League, l’intenzione della Roma è di farlo crescere e forse un giorno fargli prendere il posto di Rui Patricio (34 anni, scadenza 2024). 

Chi è Mile Svilar?

Mile è figlio d’arte di Ratko Svilar, anche lui portiere che ha legato il suo nome all’Anversa prima da calciatore per una quindicina di anni dal 1980 e poi da allenatore: «Mi ha insegnato praticamente tutto, da quando avevo 12 anni mi ha sempre sostenuto, mi dava suggerimenti per come giocavo», ha detto nella conferenza stampa di presentazione. Svilar ha cominciato a giocare a calcio in Belgio e a 14 anni entra a far parte del settore giovanile dell'Anderlecht, club in cui si è guadagnato la chiamata delle selezioni giovanili nazionali arrivando fino all’Under 21. Quando, però, è arrivato al punto di decidere quale selezione rappresentare, lui ha scelto la Serbia per via delle sue origini. Un altro momento cruciale della sua carriera è stato nell’agosto del 2017 quando sceglie di lasciare l’Anderlecht perché bocciato dall’allora tecnico René Weiler. Viene quindi acquistato dal Benfica di Tiago Pinto e Rui Costa che hanno battuto la concorrenza di Manchester United, Arsenal, Chelsea, Ajax e Schalke 04. 

Svilar: curiosità e l'incontro con Matic

Destino ha voluto che a consigliargli la società lusitana sia stato Nemanja Matic: «Ho parlato con lui e mi ha fornito alcune informazioni. Anche lui ha giocato qui e mi ha detto quanto sia bello essere in questo club». I due si sono ritrovati quest’anno nella Capitale, dopo che qualche anno fa il centrocampista andò vicino a segnare il primo gol con la maglia del Manchester United proprio a Svilar, nella sfida di Champions contro il Benfica. In quella occasione, cercando di intercettare un suo tiro potente dalla distanza, Mile ha causato un autogol dopo un rimpallo fortuito. Anche in questo caso Mourinho gli ha riservato parole d’affetto: «Solo un grande portiere incassa un gol come quello. Preferisco che il mio portiere incassi un gol così piuttosto che stia sulla linea di porta per novanta minuti». Curiosità: parla cinque lingue (presto sei con l'italiano) e solo un altro calciatore nella storia della Roma è nato ad Anversa in Belgio come Svilar e si tratta di Radja Nainggolan. Un giocatore che ha scritto un pezzo di storia della Roma. Mile ha scelto di indossare la maglia 99. Il motivo? È il suo anno di nascita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA