Roma, comincia l’era Mourinho: ecco il suo staff. A Trigoria partono i primi allenamenti

Roma, comincia l era Mourinho: ecco il suo staff. A Trigoria partono i primi allenamenti
di Gianluca Lengua
4 Minuti di Lettura
Martedì 29 Giugno 2021, 17:51 - Ultimo aggiornamento: 22:41

È cominciata la nuova stagione della Roma, quella targata Josè Mourinho. Oggi alcuni calciatori che lo scorso anno hanno avuto a che fare con degli infortuni, sono rientrati a Trigoria per effettuare il tampone anticipando il rientro dalle vacanze. Da domani saranno a completa disposizione di un preparatore, l’obiettivo è quello di farsi trovare pronti il 6 luglio giorno del raduno ufficiale. Oltre a Zaniolo ed El Shaarawy che erano già tornati ad allenarsi, hanno cominciato la nuova stagione Calafiori, Darboe, Diawara, Ibanez, Kumbulla, Reynolds, Smalling e Veretout.

Uno degli obiettivi di Mourinho sarà quello di diminuire l’incidenza degli infortuni muscolari che negli ultimi anni ha colpito Trigoria, per farlo ci sarà bisogno di allenamenti mirati e di una preparazione atletica adeguata. Per questo, oltre al ritiro a Trigoria, è prevista una seconda fase all’estero (Portogallo in pole) per concludere la pre-season. Nei prossimi due mesi, la Roma disputerà quattro amichevoli e tra queste ci dovrebbe essere quella contro Craiova il 25 giugno all’Olimpico. 

Video

Lo staff di Mou 

Ad allenare i giocatori rientrati a Trigoria sarà Stefano Rapetti Head of Fitness della squadra. Lui si occuperà della preparazione atletica e lavorerá a stretto contatto con Carlos Lalin, responsabile della riatletizzazione. Con Mourinho, sbarcherà a Roma anche il Department Match Michele Salzarulo (figura scelta dal club), il Data Analyst Giovanni Cerra e il vice dello Special One Joao Sacramento.

 

I PROFILI

Joao Sacramento ha 32 anni e ha già lavorato con Bielsa, Ranieri, Jaradim fino ad arrivare a Mourinho con il quale ha trovato un ottimo feeling grazie a un’analisi scritta presso l’Università del Calcio nel Galles del Sud sul lavoro del portoghese in cui ha analizzato la sua metodologia di gioco. Un lavoro recapitato al tecnico, il quale gli ha risposto. La sua giovane età gli permetterà anche di entrare in connessione con i calciatori, sondare gli umori dello spogliatoio e suggerire a Mourinho la migliore strategia per approcciarsi alla squadra. Per la parte atletica è stato scelto Stefano Rapetti (Head of Fitness): 45 anni, esperienza in club di Serie A e B (Empoli, Sampdoria, Milan e Torino) ed ex collaborato di Marco Giampaolo. È tornato a lavorare con Mou al Manchester otto anni dopo la vittoria del Triplete con l’Inter, il suo compito sarà quello di prevenire gli infortuni convincendo la società ad investire in macchinari all’avanguardia, ricerca e prevenzione. Restando alla parte atletica, figura determinante sarà quella di Carlo Lalin Novoa responsabile della riatletizzazione: venezuelano classe ’50, ha conosciuto Mourinho al Real Madrid squadra in cui è approdato dopo anni di studi e gavetta. Ha seguito lo Special One al Chelsea, Manchester United, Tottenham e adesso alla Roma. Nel reparto “analisi” arriverà Michele Salzarulo un uomo scelto dalla società che oltre ad affiancare l’allenatore sarà utile anche a Tiago Pinto per la scelta dei calciatori da vendere e acquistare. Salzarulo ha lavorato all’Inter dove si è occupato per 12 anni di dati e statistiche costruendo un archivio dati sconfinato. A dicembre 2020 ha lasciato i nerazzurri per trasferirsi al Verona, ma adesso comincerà la sua avventura in giallorosso. Infine, Giovanni Cerra romano e tifoso della Roma (il giorno dell’addio di Totti era all’Olimpico dopo aver chiesto il permesso a Mourinho), avrà il compito di analizzare il gioco degli avversari e proporre all’allenatore strategie e sistemi di gioco per arrivare più facilmente alla vittoria. Ed è stato lui il protagonista di una sfuriata di Mourinho nel 2016 quando il Zorya Luhansk ha messo in difficoltà il Manchester United.

© RIPRODUZIONE RISERVATA