Platini: «Con Blatter non ho rapporti. La Var? Mi sembra una bella c...»

Domenica 17 Novembre 2019
1
Michel Platini è sempre Michel Platini. Non si nasconde, parla liberamente. Intanto ringrazia Macron, che auspicava l suo ritorno al calcio. «A 64 anni ho la possibilità di un'ultima avventura, ma non posso sbagliare e ci devo pensare bene». L'ex fuoriclasse della Juventus ed ex presidente dell'Uefa, ospite di Fabio Fazio a 'Che tempo che fà, si è detto felice per le parole del presidente francese Emanuel Macron che lo vorrebbe rivedere nel mondo del calcio, in particolare in quello transalpino. E commentando la completa assoluzione nella vicenda del presunto pagamento illecito ricevuto dall'allora ex presidente della Ffa Sepp Blatter, Platini, nel presentare la sua nuova autobiografia 'Il re è nudò, ha aggiunto: «Ho sofferto per un mese, poi ho pensato a difendermi. Dopo che la giustizia svizzera mi ha assolto, ora sono io a spiegare come sono andate le cose. Alla Fifa non mi volevano come presidente. Io volevo difendere il calcio, unico calciatore che poteva diventare presidente della Fifa. Sono testimone in questo affare, era Blatter ad essere accusato, non ho festeggiato quando mi hanno assolto, ho sempre pensato di essere un uomo libero, il calcio non appartiene alla Fifa il calcio appartiene a tutti». Il tre volte Pallone d'Oro ha detto di «non aver più rapporti con Blatter» e neanche con gli attuali vertici della Fifa e sulla Var ha ribadito la sua totale contrarietà: «Ci vorrebbe mezz'ora per spiegare perché non risolve i problemi, ma li sposta. Sono contro la Var, penso che è una bella cagata e che purtroppo non si tornerà più indietro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma