Milan, Gattuso: «A Benevento sarà una battaglia»

Milan, Gattuso: «A Benevento sarà una battaglia»
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Sabato 2 Dicembre 2017, 14:55

Rino Gattuso al debutto in panchina, in casa col Benevento, conferma la difesa a tre. "Se dormirò? Spero di sì, ma devono dormire i miei giocatori", il suo pensiero.

Kalinic. "Basta un gol o una zampata per cambiare tutto. Basta un nulla per cambiare dalle cose brutte alle immagini più belle. Nikola, così come tutti gli altri, ha bisogno di fiducia ma lui se le cerca le palle gol, è sempre in posizione per segnare e questo è un parametro importante per me".

Attesa. "Se dormirò? Spero di s. Ma devono farlo i miei giocatori. Io posso anche permettermi di dormire qualche ora in meno".

Emozioni. "Più tensione perché ho la consapevolezza che domani abbiamo tutto da perdere e con una classifica non bellissima".

De Zerbi. "Ci siamo già visti e incrociati qualche volta, ci siamo abbracciati. Domani poi è Benevento-Milan, non De Zerbi-Gattuso,  ma comunque litigare con me non è difficile. Ci siamo chiariti ed è finita lì".

Lavoro in settimana. "Mi sento a mio agio. Non ho avuto difficoltà e mi sono sentito al meglio fin dal primo minuto di allenamento con questa squadra".

Erede. "Me lo avete chiesto anche l'altro giorno. A livello di caratteristiche dico Kessie, mentre Bonucci ha carisma e leadership. Ma spero di averne tanti di giocatori così".

Metodo. "Quello che è stato è stato. La mia metodologia è completamente diversa da quella di Vincenzo ed è un segreto di Pulcinella. Questi ragazzi li ho trovati un po' in difficoltà, ma non significa che siano stati allenati male. Dobbiamo migliorare sull'intensità e mentalità".

Benevento. "Sarà una battaglia. È vero che sono a 0 punti ma con De Zerbi è cambiata: ora sono pericolosi e hanno mentalità. Giocheremo in un ambiente caldo e anche contro l'Atalanta e Juventus magari meritavano qualcosa di più. Dobbiamo chiudere gli occhi e pensare che a bordo campo c'è la Champions League, non possiamo permetterci di sbagliarla".

© RIPRODUZIONE RISERVATA