Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Milan, debutto a San Siro con l'Udinese. Pioli: «Ho rivisto lo stesso spirito dell'anno scorso»

Milan, debutto a San Siro con l'Udinese. Pioli: «Ho rivisto lo stesso spirito dell'anno scorso»
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 14:20 - Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 14:31

Ben 83 giorni dopo lo scudetto vinto a Reggio Emilia contro il Sassuolo (22 maggio, 3-0), si alza il sipario sulla stagione del Milan. La squadra di Stefano Pioli riparte da San Siro contro l’Udinese (ore 18.30), mai battuta nello scorso campionato (due pareggi, come contro la Juventus). Lo stadio sarà pieno: «Questo è un entusiasmo che dobbiamo coltivare», ha detto il tecnico rossonero. «Partiamo sì da zero punti come tutti, ma ripartiamo dalla consapevolezza di quanto fatto. Si riparte dal nostro modo di stare in campo, dai nostri atteggiamenti e dalle nostre energie», ha continuato. «Questo è un Milan forte. Sarà il campo a dirlo, ma siamo forti. Ho rivisto negli occhi dei miei giocatori lo stesso spirito. Nessuno di noi, me compreso, ha raggiunto il proprio massimo livello». Giroud e Origi partiranno dalla panchina.

Probabile formazione Milan

Da centravanti ci sarà Rebic: «I nuovi arrivati mi stanno dando sensazioni positive. Hanno belle caratteristiche e qualità. Ante sta bene, hanno disputato tutti un ottimo precampionato. Non ci sarà soltanto Tonali. Divock, invece, è un centravanti completo». Non sarà semplice sfidare l’Udinese: «Si tratta di un avversario molto difficile, è pericolosa su ripartenze e palle inattive. L’anno scorso non l’abbiamo mai battuta. Siamo i favoriti o meno? Non ci siamo mai preoccupati di tutto quello che si diceva fuori da Milanello. Noi vogliamo essere competitivi. Le rivali? Campionato molto equilibrato. Non solo sono tante le squadre che vogliono vincere, ma sono forti anche le squadre di metà classifica. Se mi aspetto altro? Sono contentissimo dei giocatori arrivati. Se ci saranno occasioni per migliorare la rosa, la società non si tira indietro». Nella trequarti potrebbe iniziare Brahim Diaz, con De Ketelaere in panchina: «Se dovesse giocare Brahim Diaz, è perché lo considero migliore per questa gara. Inoltre, ha fatto tutta la preparazione. Sicuramente nel suo ruolo ci sarà tanta concorrenza. Sia lui sia Adli sia Charles possono giocare in altri ruoli nel nostro reparto offensivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA