Juventus, Allegri: «Lo scudetto passa per gare come Pescara»

Venerdì 18 Novembre 2016 di Alberto Mauro
VINOVO (TO) – Allegri riparte dalle sue certezze: Higuain titolare contro il Pescara, per scacciare i cattivi pensieri con la maglia dell’Argentina, e ritrovare gol e sorriso in vista del Siviglia. «Domani gioca, non vedo perchè non dovrebbe, l’Argentina ha vinto e si è rimessa in corsa per le qualificazioni, non vedo perchè non debba essere contento». Da qui alla sosta gli obiettivi sono chiari: «Manca un mese a Natale - le parole di Allegri alla vigilia del Pescara -, abbiamo tre obiettivi: la qualificazione in Champions, mantenere il primo posto in classifica, e la Supercoppa».

Davanti giocano Mandzukic e Higuain, dubbio sistema di gioco tra il 3-5-2 e il 4-4-2, Benatia e Chiellini vanno valutati nelle prossime ore. «Pjaca? Siamo ancora lontani. Dybala? Ci vogliono i tempi necessari. Benatia è rientrato con un dolore al ginocchio, valuterò se sarà a disposizione o meno, così come Chiellini. Dani Alves è in vacanza fino a domani, deve rifiatare. Khedira gioca, poi devo scegliere tra Marchisio e Hernanes. Asamoah sta bene, uno tra Pjanic e Sturaro gioca, Rugani ha ottime possibilità di giocare titolare, è il futuro».

Contro le “piccole” la Juventus negli ultimi anni ha dimostrato poca pietà: «Attraverso queste partite si vincono gli scudetti. Sceglierò la formazione migliore, a Siviglia non è decisiva. Il Pescara ha qualche difficoltà di classifica, crea molto, manca di un po' di esperienza. Noi abbiamo solo un risultato».

La Champions può attendere: «Ora l’Europa è l’ultima cosa a cui penso. Ci basta vincere una partita per la qualificazione matematica. Abbiamo due risultati su tre a Siviglia per il primo posto ma ora la Champions va messa da parte. Martedì è più importante per il Siviglia che per noi».

Il campionato da qui alla sosta è un testa a testa con la Roma: «Da qui al 23 noi e la Roma abbiamo le stesse partite, Pescara, Atalanta, derby e la Roma”. Lichtsteiner a gennaio potrebbe rientrare in lista Champions. “Fa bene a lavorare per tornare in lista Champions, sarebbe male il contrario, non avevo nessun dubbio su di lui, ma ho dovuto fare una scelta. A gennaio ci penseremo». Ultimo aggiornamento: 13:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L'approfondimento di oggi