Europei, l'Italia di Mancini sogna: da Immobile-Insigne alla difesa, ecco le stelle azzurre. E un jolly...

Europei, l'Italia di Mancini sogna: da Immobile-Insigne alla difesa, ecco le stelle azzurre. Con un jolly...
3 Minuti di Lettura

A forza di dire che la forza di questa Italia è il gruppo, hanno iniziato a crederci davvero tutti. Una missione più che compiuta di Roberto Mancini, che è stato in grado di risollevarne uno a pezzi reduce dalla porta in faccia degli ultimi Mondiali. Ma dietro un trionfo, che è quello che si augurano un po' tutti a due giorni dall'esordio agli Europei con la Turchia, c'è sempre un simbolo. Nel 2006 lo diventarono due insospettabili, Grosso e Materazzi. Ma stavolta a chi possono aggrapparsi i milioni di tifosi azzurri?

Italia, Locatelli: «Il mio modello è De Rossi, mi piacerebbe imitarlo in azzurro»

La "DBC" e il duo Insigne-Immobile

Una risposta ha provato a darla 433, la prima pagina social al mondo di intrattenimento sportivo da quasi 40 milioni di follower: nella sua short-list di potenziali stelle di Euro2020 (sì, il nome ufficiale è rimasto nonostante il rinvio di un anno) ha messo il duo tutto napoletano Insigne-Immobile. Si conoscono benissimo dai tempi di Pescara, si sono ritrovati in nazionale e per Mancini sono i due intoccabili dell'attacco. La terza maglia spetterebbe a Chiesa, ma le ultime prestazioni di Berardi hanno fatto aumentare le sue chance di diventare protagonista. Già dall'esordio con la Turchia.

La sensazione è però che non avendo una superstar come invece possono vantarsi di avere altri (Mbappé, Ronaldo, Lukaku, Kane giusto per dirne alcuni), l'Italia dovrà fare affidamento ancora sulla cara (ma meno vecchia) difesa. Perché dimenticata la BBC nata nella Juve e trasportata in nazionale con Barzagli, Bonucci e Chiellini, ora si è aggiunto Donnarumma, l'erede di Buffon. Per lui sarà la prima grande competizione con la maglia azzurra, proprio nell'estate in cui ha detto addio al Milan. Complice la difesa a tre, davanti a lui ci saranno Chiellini e Bonucci e dalla tenuta difensiva sicuramente dipenderanno le chance dell'Italia di arrivare in fondo. 

Le vere stelle sono in mezzo? 

E pensare che le vere stelle per una volta sarebbero in mezzo al campo. Perché Verratti, che però deve recuperare le condizione dopo l'infortunio, e soprattutto Jorginho sono i due giocatori della nuova generazione più vincenti a livello internazionale. Uno ha portato a casa tutto, Champions esclusa, al Psg. L'altro arriva proprio da una Champions vinta da protagonista al Chelsea. Al loro fianco ci sarà Barella, eletto miglior centrocampista dell'ultima Serie A. Le alternative ci sono e sono di livello: Pellegrini ormai è il capitano della Roma, Locatelli arriva dalla consacrazione al Sassuolo ed è seguitissimo dalla Juventus. Ma se è vero che spesso l'uomo decisivo è un jolly diciamo l'attaccante del Sassuolo Raspadori. Se non è una sorpresa da notti magiche lui... 

 

Giovedì 10 Giugno 2021, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 19:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA