Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fifa, sono sette i candidati alla presidenza: tra i nomi c'è anche Platini

Fifa, sono sette i candidati alla presidenza: tra i nomi c'è anche Platini
di Redazione Sport
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 10:49 - Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 11:39
Sono sette i candidati accettati dalla Fifa per la corsa alla presidenza, tra i nomi c'è anche quello del presidente della Uefa, Michel Platini. A renderlo l'organo di autogoverno del calcio con una nota. I nomi dei 'papabilì per la successione a Joseph Blatter nel congresso che si terrà il prossimo 26 febbraio a Zurigo sono: Ali Bin Al Hussein, Musa Hassan Bility, Jérome Champagne, Gianni Infantino, Michel Platini, Salman bin Ebrahim Al Khalifa e Tokyo Sexwale. Ad essere escluso dalla corsa l'ex giocatore David Nakhid.

Nella nota non è stato specificato il motivo dell'esclusione di Nakhid, ex giocatore di Trinidad e Tobago. Nella lista dunque figurano il segretario generale dell'Uefa, Gianni Infantino, lo sceicco Salman bin Ibrahim Al Khalifa, membro della famiglia reale del Bahrain, il presidente della Federcalcio della Liberia, Musa Bility. Rientra nella lista accettata dalla Fifa il numero uno della Fifa Michel Platini, il principe giordano Ali Bin Al Hussein, l'uomo d'affari sudafricano Tokyo Sexwale e il francese Jerome Champagne ex segretario generale aggiunto della Fifa. A pesare sulla candidatura di Platini la sospensione di 90 giorni decisa dal Comitato etico della Fifa in attesa di far chiarezza sulla vicenda dei 2 milioni di franchi svizzeri ricevuti dalla Fifa nel 2011. Per effetto della sospensione la candidatura dell'ex giocatore della Juventus non è stata ancora vagliata dal comitato incaricato per le elezioni. Nella nota si spiega che il Comitato elettorale «se tale divieto verrà revocato prima delle elezioni presidenziali della Fifa deciderà, nel rispetto dei tempi, come procedere con la candidatura in questione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA