Europei col pubblico, arriva il via libera di 8 città: Roma ha tempo fino al 19 aprile per decidere

Europei col pubblico, arriva il via libera di 8 città: Roma ha tempo fino al 19 aprile per decidere
4 Minuti di Lettura

Gli Europei di calcio si giocheranno davanti al pubblico, ma Roma non ha ancora dato una risposta certa all'Uefa. È ufficiale, invece, l'ok da parte di 8 città europee - delle 12 ospitanti - per svolgere il torneo in sicurezza, nonostante la pandemia da Covid. Mentre Roma, Monaco, Dublino e Bilbao - che non si sono ancora pronunciate - «hanno tempo fino al 19 aprile per fornire ulteriori informazioni sui loro piani e in quella data verrà presa una decisione finale in merito allo svolgimento delle partite». Lo fa sapere l'Uefa in un comunicato: in quella data, si apprende, il massimo organismo calcistico europeo deciderà se escludere o no le 4 città dall'organizzazione dell'Europeo.

Roma

Conto alla rovescia, quindi, per l'Olimpico di Roma: il governo italiano nei giorni scorsi ha dato la sua disponibilità, ma è il Cts a fare le valutazioni. E nel verbale pubblicato l'altro ieri gli esperti hanno ribadito che al momento «non è possibile» confermare che gli incontri previsti si possano svolgere con la presenza degli spettatori ma dopo aver valutato le richieste arrivate dalla Figc, ha però dato «disponibilità» a rivedere la questione nelle prossime settimane «alla luce dell'evoluzione del quadro epidemiologico e dell'andamento della campagna di vaccinazione in corso in Italia».

Covid, Europei: Olanda e Spagna aprono gli stadi. San Mames e Johann Cruijff Arena al 25%

Le altre città

Tra le otto città che hanno dato l'ok, San Pietroburgo ha confermato una capienza del 50%, con la possibilità di aumentarla entro la fine di aprile, mentre Budapest punta ad ospitare gli spettatori a pieno regime, a condizione che questi rispettino i severi requisiti di ingresso allo stadio. Anche Baku ha confermato una capacità del 50%, con i tifosi tenuti a presentare un tampone negativo al Covid per entrare in Azerbaigian. Amsterdam, Bucarest, Copenaghen e Glasgow hanno previsto una capacità del 25%-33%, con le prime tre che tengono aperta la possibilità di ampliare ulteriormente in base all'andamento della situazione epidemiologica. Londra, infine, ha confermato una capacità minima del 25% per le tre partite del girone e gli ottavi di finale, e spera di garantire una maggiore capacità per le semifinali e la finale.

Covid, Europei con il pubblico: la Figc attende il sì, ma la decisione spetta al governo

I biglietti

L'Uefa ha concesso ai tifosi tempo fino al 22 aprile per il rimborso dei biglietti, promettendo «accordi speciali» in caso di trasferimento o incontro programmato a porte chiuse. Dall'Europeo al Mondiale del Qatar. La Rai si è assicurata i diritti esclusivi per i Mondiali di Qatar 2022. Lo ha reso noto la stessa Fifa. La Rai ha ricevuto i diritti audiovisivi per più piattaforme, televisione, canali digitali e radio, e fornirà al torneo una base di trasmissione estremamente solida. Oltre a coprire tutte le 64 partite in diretta la Rai proporrà un'offerta molto ampia, che comprenderà la ripetizione dei momenti salienti e programmi di reportage e interviste. Rai 1 trasmetterà un minimo di 28 partite, tra cui quella di apertura, la finale e le due semifinali, raggiungendo così l'obiettivo della Fifa di fornire un'ampia copertura alle proprie competizioni.

Venerdì 9 Aprile 2021, 20:04 - Ultimo aggiornamento: 20:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA