Campionato femminile, non c'è la ripresa. Algoritmo decide la classifica, non sarà assegnato lo scudetto

Lunedì 8 Giugno 2020 di Giuseppe Mustica
Stop al campionato femminile. La decisione del consiglio federale  è arrivata qualche minuto fa. Il campionato, fermo da marzo, non si completerà. A nulla è valso il fondo di 700mila euro stanziato la scorsa settimana. Si è deciso, soprattutto dopo il comunicato delle calciatrici di questa mattina, di bloccare la stagione. Un colpo basso, che potrà avere delle ripercussioni sopratutto sulla Nazionale di Milena Bertolini, che sarà impegnata a settembre nelle qualificazioni agli Europei del 2022. Ultime sei giornate quindi che non verranno completate.

«La nota dolente è aver chiuso il campionato femminile. Avevamo sperato di portarlo a termine, ma non ci siamo riusciti. Sarebbe stato un gran segnale per tutto il movimento». Così ha commentato Gravina al termine del consiglio federale che ha portato alla decisione di chiudere la stagione. 

Sarà l'algoritmo, senza l'assegnazione dello scudetto, a decidere la classifica finale della Serie A femminile. Nella nota della Figc si legge che la "Divisione dovrà applicare gli stessi criteri correttivi validi per i campionati professionistici maschili". Niente post season, come già si era capito dopo la dura nota di questa mattina, ma i verdetti per la Champions e le retrocessioni saranno decise tramite la media punti ponderata. Stesso criterio quindi che verrà utilizzato per gli uomini in caso non ci fossero date utili per disputare playoff e playout. 

uventus in testa ma scudetto non assegnato. Fiorentina in Champions League che, secondo l'algoritmo, è uguale in tutto al Milan ma avanti per la media tra differenza reti segnate e subite. Fuori anche la Roma, distante dalla graduatoria finale. In serie B dovrebbe retrocedere solamente l'Orobica con l'arrivo in serie A del Napoli, che andrebbe a beffare il San Marino. 

  Ultimo aggiornamento: 16:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA