Calcio femminile, per la Roma una sconfitta che brucia. Passa l'Inter

Calcio femminile, per la Roma una sconfitta che brucia. Passa l'Inter
di Giuseppe Mustica
3 Minuti di Lettura
Sabato 16 Ottobre 2021, 16:47

La beffa arriva al minuto 85, nell'unica vera occasione creata dall'Inter. E la Roma di Spugna perde 1-0 contro le nerazzurre di Rita Guarino. La decide la rete di Nchout, che sfrutta un errore di Swaby, e batte Ceasar, che mai aveva toccato il pallone fino a quel momento, col mancino. È la seconda sconfitta per la Roma in stagione dopo quella contro la Juventus. Nel mezzo il pareggio sempre in terra lombarda contro il Milan. La sosta è stata deleteria. E adesso ce ne sarà un'altra, che si spera possa avere un esito diverso.

Juve-Roma, Mourinho: «Abraham convocato per la Juve, ma non so se giocherà»

Buona Roma

Eppure è stata una buona Roma. Che ha recuperato Giugliano ma che ha perso Bartoli in settimana per un problema muscolare. L'assenza del capitano si è fatta sentire: è mancata quella cattiveria che serviva in alcuni momenti per azzannare la partita. Un primo tempo, comunque, giocato bene dalle giallorosse, che hanno creato la migliore occasione della partita col destro di Paloma Lazaro al 10' sul quale si è distesa Durante. La spagnola, alla prima da titolare al posto di Pirone, ha cercato la giocata più volte, ma è parsa un po' appannata nelle idee. Ma, senza dubbio, meritava un'opportunità. 

Beffa

Nella ripresa la squadra di Spugna ha praticamente giocato sempre nella metà campo dell'Inter. E più passava il tempo e più dava l'idea di poter riuscire a sbloccare la partita. Serviva però la giocata risolutiva che non è mai arrivata. Sì, Giugliano era in campo ma sicuramente non al meglio; Andressa è apparsa stanca; Glionna ha avuto poco spazio e Serturini s'è presa un turno di riposo. Poi nel finale la beffa, con la giocata nerazzurra che ha tagliato fuori la difesa giallorossa e l'errore di Swaby che ha fatto il resto. La Roma ha cercato il tutto per tutto e a Glionna è stato fischiato un fuorigioco inesistente che grida ancora vendetta.  Adesso serve resettare queste due settimane. Spugna lavorerà con pochi elementi. Ma serve, alla ripresa, la svolta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA