Roma capitale del basket giovanile: concluso il torneo che lanciò Luka Doncic

Martedì 7 Gennaio 2020 di Mirko Polisano
L'Aba Legnano vincitrice dell’undicesima edizione del torneo Under 15
Si è concluso il torneo di pallacanestro giovanile che da undici edizioni porta a Roma squadre da tutta Europa e non solo. Dalla Spagna alla Georgia, dalla Lettonia a Israele passando per Ungheria e Slovenia, In.To.Rome 2020, questo il nome della competizione, ha avuto l’onore di ospitare prestigiosi club e premiare talenti divenuti star NBA come Luka Doncic, mvp dell’edizione del 2013 dove all’età di 12 anni meravigliò il mondo intero con 54 punti realizzati nella finalissima, considerato oggi - a soli 20 anni - considerato il miglior giocatore dell’Nba a 20 anni. Non solo stranieri, l’Italia intera è stata rappresentata da giovani atleti divenuti professionisti del mondo della pallacanestro come Andrea La Torre (capitano di Pall.Cantú), Alessandro Pajola (Virtus Bologna) e molti altri. Matteo Picardi, coach professionista cresciuto alla Stella Azzurra, ideatore del progetto Lido di Roma e con un passato alla Montepaschi Siena, è l’organizzatore del torneo. 

IL BILANCIO
«Il momento di difficoltà in cui versa la nostra Capitale è evidente - dice Picardi - ma la città eterna è un biglietto da visita che ci permette di avvicinare il meglio del basket giovanile in un contesto che consente alla pallacanestro romana di vivere 4 giorni di sport ed integrazione ad altissimo livello. Punteremo, come sempre, a migliorarci, a spingerci oltre e ringrazio lo staff che come ogni anno si impegna già dall’estate per curare dettagli e particolari. Complimenti a tutti i partecipanti di quest’ultima edizione che ha visto prevalere nella categoria U15 Accademia Basket Altomilanese e nell’U13 la DBS Roma. Abbiamo premiato i talentuosi Marco Dell’Acqua (U15) e Giovanni Granai (U13) come MVP tuttavia sentiremo parlare nei prossimi anni anche di altre ottime individualità che hanno calcato il parquet dell’undicesima edizione». Il torneo si è svolto nelle palestre del quadrante sud della Capitale, attraversando alcuni quartieri. Da Acilia a Spinaceto, passando per il Torrino. Il clou si è svolto proprio ad Acilia nella palestra di San Leonardo. Un torneo, quello di In to Rome 2020, che in una delle sue prime edizione lanciò Luka Doncic, oggi ai Dallas e considerato uno degli astri nascenti europei in America. 

IL RICORDO
«Ricordo perfettamente Doncic giocare quella finale in cui realizzò 54 punti - aggiunge Picardi - pochi mesi dopo a luglio firmò con il Real Madrid. Erano in tanti quell’anno a chiederci i video della finale per vedere il campione in azione».  Appuntamento, dunque, al prossimo anno con le giovani promesse del basket che saranno i campioni di domani. Anche oltre oceano.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani