Selfie surgery, quegli adolescenti che vogliono ritoccarsi come le foto sul cellulare

Sabato 19 Novembre 2016

Ricorrere ad aghi e bisturi con la stessa semplicità di un click su Photoshop. Sottoporsi a punture, trattamenti invasivi e interventi chirurgici non per somigliare a modelle o dive di Hollywood, ma al proprio «io» digitale ritoccato. È la « selfie surgery», la nuova tendenza che dilaga tra le ventenni negli Stati Uniti e si diffonde anche in Italia, raccontata da « Selfie-surgery - Vorrei essere il mio avatar», in onda domenica 20 novembre alle 23.15 su Sky Atlantic HD e su Sky TG24 Active e disponibile anche su Sky On Demand.
 


Il film di Beatrice Borromeo è il secondo appuntamento de «Il racconto del reale», il ciclo di Sky Atlantic HD che ogni domenica racconta l'attualità senza mediazioni e mette a fuoco i fatti per capirli davvero, attraverso un linguaggio contemporaneo vicino a quello cinematografico e delle migliori serie televisive. Prodotto da FremantleMedia, «Selfie-surgery - Vorrei essere il mio avatar» è una narrazione in presa diretta delle ferite e delle sorprese che accompagnano molte giovani donne nella ricerca di un nuovo «io» e dei contesti sociali e virtuali in cui tutto ciò avviene. Ragazze che cercando la propria identità, cercano la perfezione del loro avatar digitale rischiando di perdersi mentre cambiano, una dopo l'altra, parti del loro corpo. Protagoniste del racconto di Beatrice Borromeo sono 5 giovani ragazze Italiane poco più che ventenni.

Flaminia che a soli 22 anni ha scelto filler al viso e liposcultura, con il placet della madre che la segue in ogni fase. Marta, originaria della Sardegna che si rifà il naso per potersi finalmente piacere nelle foto postate da amici e conoscenti sui social. Virginia e Jessika, sorelle romane con la passione per la chirurgia plastica, che per il proprio compleanno ricevono ogni anno dalla famiglia in regalo nuovi ritocchi: seno e naso nuovi all'età di 18 anni per la prima, filler e seno ancora più abbondante per i 25 anni della seconda. Infine Lodovica a cui non piace il suo seno, e affronta la chirurgia estetica senza avere nessuno accanto. Il ciclo «Il racconto del reale» prosegue ogni domenica alle 23.15 con altri film documentari che offrono prospettive uniche sulla realtà. Il 27 novembre, «Come è profondo il mare», prodotto dalla 42ø Parellelo di Mauro Parissone, mostra attraverso immagini esclusive dal fondo del Canale di Sicilia un naufragio con gli occhi di chi non ce l'ha fatta. E ancora «Spes contra spem - Liberi dentro», in onda il 4 dicembre: il film di Ambrogio Crespi sul tema dell'ergastolo - attraverso la voce del condannato e dell'amministrazione penitenziaria - porta sullo schermo il senso della pena e della sua espiazione.

Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 09:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma