MasterChef, Simone è il vincitore della settima stagione

MasterChef, Simone è il vincitore della settima stagione
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Marzo 2018, 05:01 - Ultimo aggiornamento: 14:39

È Simone Scipioni, 20 anni, marchigiano di Montecosaro, il vincitore della settima stagione di MasterChef Italia, il 20enne studente marchigiano ha conquistato i giudici Antonia Klugmann, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo. Con lui sul podio Kateryna, la giovane 23enne di origine ucraine e Alberto, il 23enne micologo di Tortona.

GUARDA IL VIDEO

Simone studia Scienze dell'alimentazione e gastronomia. Ha conquistato i giudici con l'entreè "Quello che non strozza ingrassa": delle olive all'ascolana ripiene di ciauscolo e pollo; per antipasto ha presentato il gazpacho Guarda come vongolo. Come primo ha preparato Il cappellaccio matto: dei cappellacci ripieni di melanzane. Per secondo ha realizzato Voulez vous Quaglier avec moi?: un piatto fatto con petto di quaglia cotto nel burro. E infine, Dolce far niente: una pasta di meliga sbriciolata, mousse di ricotta e burrata e salsa di pesche cotte in vasocottura al rosmarino. Simone vince centomila euro in gettoni d'oro e la possibilità di pubblicare il suo primo libro di ricette edito da Baldini&Castoldi.



Dei venti entrati nella cucina di Masterchef, alla finale andata in scena questa sera sono arrivati in tre. A suon
di pentole e impiattamenti, Kateryna, Alberto e Simone si sono qualificati all'ultimo atto del talent culinario targato Sky, che per il titolo di settimo Masterchef Italiao La puntata finale, come di consueto, è partita da una Mistery Box, l'ultima dell'edizione, che però per l'occasione conteneva solamente uno specchio. «L'ingrediente speciale e unico che dovrete mettere nel vostro piatto - hanno detto i giudici - oggi siete voi». I tre, dopo essersi confessati davanti alla loro immagine riflessa a proposito della loro esperienza a Masterchef, hanno ascoltato i commenti di Antonia Klugmann, Antonino Cannavacciuolo, Joe Bastianich e Bruno Barbieri. Dopo una visita in dispensa, il terzetto si è cimentato nella preparazione di un piatto a scelta. Obiettivo della prova: rappresentare se stessi attraverso un piatto cucinato in un'ora.

Se Alberto si è buttato anima e grembiule nella preparazione di seppie e patate in chiave moderna, Kateryna ha puntato sempre sulle seppie ma in versione ravioli con funghi e ribes. Simone, invece, ha scelto un filetto di maiale in crosta di pistacchio. Dei tre piatti, i giudici hanno decretato migliore quello di Kateryna, vincitrice dell'ultima Mistery Box dell'anno e prima finalista assoluta.

Per Simone e Alberto si sono aperte così le porte dell'Invention Test, giudicato per l'occasione da tre diversi
chef. Lo stellato Pino Cuttaia ha presentato ai due concorrenti il suo uovo, ma fatto di seppia, che Simone e Alberto hanno dovuto replicare. Stesso meccanismo con la chef Anthony Genovese, anche lui stellato e che a proposto ai due un piatto di ispirazione thailandese e a base di scampi, come con lo chef Norbert Niederkofler e il suo piatto a base di anatra. Alla fine dei giochi e dopo una tripla prova che ha messo a dura prova gli aspiranti chef, ad avere la meglio sull'avversario in cucina è stato Simone.

Il micologo piemontese, invece, è dovuto tornare a casa ad un soffio dal traguardo finale. Kateryna e Simone, per provare a concludere nel modo migliore il loro percorso a Masterchef, hanno dovuto pensare a un menù degustazione di propria scelta, con ingredienti consegnati loro direttamente dal fratello che Kateryna non vedeva da tre anni e dagli amici d'infanzia di Simone. A colpi di campanello che segnalava ai giudici quando il piatto era pronto per essere assaggiato, i due hanno consegnato tutte le portate ai quattro chef seduti al loro tavolo apparecchiato. L'ultimo giro di assaggi della settima stagione italiana di Masterchef ha consegnato a Simone il prestigioso titolotargato Sky.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA