"Fellini Dream", al Teatro Biondo di Palermo il mondo onirico e ultraterreno del leggendario regista

Protagonista assoluto di questo mondo, compagno di questo viaggio iniziatico nel mondo dei morti, è Virgilio, lo psicopompo per eccellenza

"Fellini Dream", al Teatro Biondo di Palermo il mondo onirico e ultraterreno del leggendario regista
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 17:19

Al debutto nazionale al Teatro Biondo di Palermo martedì prossimo "Fellini Dream", in cartellone fino al 12 dicembre . Dal soggetto del film di Federico Fellini, Il viaggio di G. Mastorna, mai realizzato, Emiliano Pellisari ha ideato il nuovo spettacolo, portando sul palcoscenico l’immaginario della sua Compagnia Nogravity insieme alla sua compagna artistica Mariana/P e a due straordinari attori: Graziano Piazza e Viola Graziosi.

Uno spettacolo etereo, onirico, divertente, una magia circense, che rievoca il mondo ultraterreno immaginato dal grande maestro, percorrendo le coste frastagliate dell’immaginario e dell’inconscio.

Lo spettacolo

Il film mai realizzato di Fellini si chiamava ‘Il Viaggio di Mastorna”: un viaggio sciamanico nel mondo dei morti. Ossessionato dalla morte e pieno della cultura classica italiana, per tutta la vita il Maestro ha sognato di fare questo film sulla falsariga del viaggio di Dante nel mondo ultraterreno. Ne ha parlato in alcune interviste. Ne ha parlato con i produttori. Era un uomo superstizioso: non se ne fece mai nulla.

La chiave dello spettacolo sta su una sola intuizione: che i morti non camminano, volano, sono senza peso. Tecnicamente questo effetto risulta dalla riflessione sul piano verticale degli attori e danzatori sdraiati per terra. Chi viaggia nel mondo dei morti è inesorabilmente attratto verso la terra, finché non si sdraia. Cioè accetta di morire.

Benedetta Torre debutta nel ruolo di Giulietta nella nuova produzione de “I Capuleti e i Montecchi”

Virgilio e lo psicopompo

La protagonista, interpretata da Viola Graziosi, percorrendo un mondo sospeso tra la vita e la morte, incontrerà i protagonisti della sua vita, e dopo aver fatto i conti col passato, avrà la leggerezza necessaria per volare via. Protagonista assoluto di questo mondo, compagno di questo viaggio iniziatico nel mondo dei morti, è Virgilio, lo psicopompo per eccellenza interpretato da Graziano Piazza.

Uno spettacolo in cui i generi si intersecano, dove prosa, danza, musica e l’illusione scenica si fondono insieme. I confini e le distanze tra attori e danzatori vengono aboliti. Il sogno di Gordon Craig si è forse realizzato: «Ogni cosa scaturisce dal movimento. Il movimento della forma umana. Lo strumento attraverso il quale rendere la bellezza».

Il tenore Grigolo al Teatro dell'Opera: «Sogno una Tosca in stile James Bond e un programma tv sulla lirica»

© RIPRODUZIONE RISERVATA