Maneskin, Damiano canta una frase razzista e si scusa: «Non sapevo cosa significasse»

Maneskin, Damiano si scusa per una frase razzista: «Non sapevo cosa significasse»
2 Minuti di Lettura
Martedì 20 Luglio 2021, 09:33

Damiano David dei Maneskin si scusa con i fan. Il cantante della band romana è finito nell'occhio del ciclone per una frase dal contenuto razzista cantata in un concerto a Berlino lo scorso 16 giugno. La canzone "Black skinhead" del rapper statunitense Kanye West, reinterpretata in quella occasione dai Maneskin, contiene la frase «Stop all that coon shit», dove «coon» è un termine con accezione dispreggiativa che significa «negro».

Maneskin, oltre 7 milioni di visualizzazioni per "I wanna be your slave": il gruppo scala le classifiche

Damiano ha quindi voluto fare chiarezza con un messaggio su Twitter: «Ho appena visto cos’è successo e voglio scusarmi profondamente per l’offesa che ho cantato nella canzone di Kanye qualche mese fa. Ho cambiato il resto del testo perché non volevo risultare offensivo». Il leader dei Maneskin spiega: «Non avrei mai detto qualcosa del genere intenzionalmente. So che ciò che ho fatto è sbagliato e voglio scusarmi con tutti voi. Avrei dovuto informarmi meglio su ciò che stavo cantando. Ci scusiamo se abbiamo ferito o mancato di rispetto a qualcuno. Questa sarà una lezione per il futuro e faremo il nostro meglio per istruirci». Dopo mesi di grandi successi, un piccolo passo falso al quale Damiano ha prontamente risposto in maniera semplice e corretta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA