Uffizi, donata collezione da milioni di euro: l'ultima opera di Rosso Fiorentino in mani private

Giovedì 30 Luglio 2020 di Laura Larcan
Gli Uffizi si arricchiscono. Si potrebbe dire che mettono a segno un “colpaccio”. Si tratta di una intera raccolta di 455 opere frutto di una maxi-donazione al museo più importante d’Italia. Ci sono dipinti, sculture e disegni dal ‘500 al XXI secolo di artisti come il grande Rosso Fiorentino, il Tribolo, Giovanni Battista Foggini, Ingres, Pio Fedi e Giuseppe Bezzuoli, provenienti dalla collezione di Carlo del Bravo (1935 - 2017), professore di storia dell’arte all’Università di Firenze e studioso di fama internazionale.
 
 


A tre anni dalla morte, Lorenzo Gnocchi, suo allievo ed erede universale, ha donato le opere all’istituzione fiorentina. Solo il “San Giovannino” del Rosso Fiorentino è un exploit: l’ultima opera del manierista Rosso in mani private (e unico perché tutti gli altri sono in collezioni pubbliche e chiese). Un valore nell’ordine di milioni di euro solo il Rosso. A fronte dell’intera collezione che vanta una stima superiore ai 10 milioni. E’ la più grossa donazione dal dopoguerra al oggi, dopo quella dei Contini Bonacossi.

Chiara Ferragni agli Uffizi, Schmidt nel mirino: il ministero reintegra il Comitato

Uffizi, Corridoio Vasariano verso la rinascita: pronto bando europeo per il restyling. Apertura nel 2022

Il direttore Eike Schmidt ha già annunciato che il “San Giovannino” del Rosso Fiorentino, l’ultimo quadro del grande pittore manierista finora in mani private, farà parte del nuovo allestimento della pittura del primo ‘500 in corso di preparazione nella Galleria. Due tele del fiorentino Jacopo Vignali, il Giovane flautista e Gesù incoronato di spine, saranno invece esposte nella Galleria Palatina. Ma la maggior parte della collezione, con opere di maestri dell’800 come Léon Bonnat, Antonio Ciseri, Raffaello Sernesi e dipinti di amici artisti come Bruno Innocenti, Giovanni Colacicchi, Renzo Dotti e Rodolfo Meli, verrà esposta in due sale dedicate nella Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, che verranno restaurate e allestite nei prossimi mesi.

La collocazione del lascito di Del Bravo alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, è stato spiegato, è particolarmente appropriata dato che lo studioso è stato per decenni membro della Commissione per la valutazione e le nuove acquisizioni che proprio in quegli spazi si riuniva regolarmente.
© RIPRODUZIONE RISERVATA