Danielona assolta dall'accuso di spaccio:
«Ho preso la coca dopo la morte di papà»

Venerdì 16 Luglio 2010
Daniela Ranaldi
ROMA (16 luglio) - Il giudice Maria Teresa Cialoni ha assolto Daniela Ranaldi, 55 anni dall'accusa di avere detenuto 25 dosi di droga a fini di spaccio «perché il fatto non costituisce reato». L'opinionista di Uomini e donne era stata arrestata venerdì 9 luglio. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a un anno di reclusione e a 3.000 euro di multa.



Daniela Ranaldi, difesa dall'avvocato Alessio Pica, ha negato di essere una spacciatrice ammettendo la detenzione della cocaina per uso personale. Ha detto di aver cominciato a farne uso alcuni mesi fa, dopo la morte del padre. La donna ha ribadito di «non essere una spacciatrice» e di avere «fatto una stupidaggine». Il fratello Bruno, testimone citato dalla difesa, ha spiegato al giudice che la sorella è caduta da mesi in uno stato di depressione dopo la morte del padre avvenuta lo scorso ottobre. «Il bilancino veniva usato per le medicine che quotidianamente nostro papà assumeva. Morto lui, abbiamo attraversato tutti un momento difficile, Daniela in modo particolare. Una volta - ha detto Bruno, che gestisce un locale notturno - la sorpresi mentre faceva uso dello stupefacente che teneva sul comodino della stanza da letto in un barattolo, glielo buttai via e litigammo di brutto ma sarebbe stato meglio se le avessi dato anche uno schiaffo in faccia». Il bilancino di precisione era stato sequestrato con 11 grammi di coca. Il difensore di “Danielona” aveva sostenuto l'insussistenza dell'accusa di spaccio dimostrando che per la sua attività la Ranaldi riceve uno stipendio di 1.200 euro al mese più 600 euro di extra e che comunque ha in corso contratti di sponsorizzazione. Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 22:51

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani