Genitori assistono disabili e la perdono di vista, bimba di 2 anni muore annegata nel fiume

Mercoledì 5 Dicembre 2018 di Federica Macagnone
Genitori assistono disabili e la perdono di vista, bimba di 2 anni muore annegata nel fiume
Per cinque minuti è stato come se fosse diventata invisibile: nessuno l'ha notata, nessuno ha potuto salvarle la vita. Mentre a pochi metri da lei centinaia di persone si affollavano tra gli stand del Key Feste arts' festival di Peterborough, in Gran Bretagna, la piccola Ruby Tyers, una bimba di due anni vivace e curiosa, appassionata di anatre e cigni, scivolava silenziosamente nel fiume Nene. In quel momento la madre, Wendy Grey, 43 anni, e il suo compagno erano impegnati nel loro stand a dare assistenza ai bambini disabili: era bastato un attimo di disattenzione e Ruby era sgattaiolata via, correndo gioiosa e veloce come una lepre per andare a vedere le anatre. Cosa sia successo in quei pochi minuti di black out, da quando è fuggita fino a quando è stata trovata in acqua priva di conoscenza, è stato un mistero fino a oggi: subito dopo la tragedia, datata 3 settembre 2017, era infatti stata aperta un'inchiesta.

Ora, a oltre un anno di distanza, il coroner Simon Milburn ha dichiarato al tribunale di Huntingdon che la morte di Ruby è stata un "tragico incidente": nessun giallo, nessun rapimento, nessun sospetto di omicidio. La piccola, ripescata da alcune persone che lavoravano al festival, era morta alle 9 del mattino successivo all'ospedale Addenbrooke di Cambridge.

«Abbiamo perso di vista Ruby solo per pochi istanti - racconta la madre - E' sgattaiolata sotto il tavolo del nostro stand ed è fuggita: quando io e il mio compagno abbiamo realizzato che non era più con noi siamo scattati per cercarla, ma lei era già sparita. Abbiamo chiesto a decine di persone se qualcuno l'avesse vista, ma tutti dicevano di no. Eravamo disperati, temevamo che qualcuno l'avesse rapita. Poi qualcuno ha detto che c'era una bambina che galleggiava nel fiume: ho urlato e corso come una pazza sperando che non fosse lei. Quando sono arrivata mi si è gelato il sangue: alcuni addetti degli stand si erano gettati in acqua per recuperarla, l'hanno riportata a riva, ma lei non rispondeva. Hanno provato a farle un massaggio cardiaco, ma lei non rispondeva, poi l'hanno portata in ospedale. Abbiamo sperato e pregato tutta la notte, ma alla fine Ruby non ce l'ha fatta: al mattino è volata in cielo. L'autopsia ha stabilito che è morta per polmonite e conseguente arresto cardiaco dopo l'immersione in acqua». 

Da allora Wendy Grey, oltre a dover convivere con il ricordo di quei pochi secondi di black out che sono costati la vita a sua figlia, ha dovuto convivere anche con lo svolgimento di un'inchiesta sulla morte della piccola. Ora che è stato tutto chiarito, a lei resta solo l'incubo di una tragedia che avrebbe potuto essere evitata, di quei cinque minuti che hanno stravolto per sempre la sua esistenza. 
  Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il pupo gioca a pallone il Natale costa 200 euro

di Mimmo Ferretti