Antibiotici, il Covid fa schizzare in alto i consumi: +160% per l'azitromicina

Antibiotici, il Covid fa schizzare in alto i consumi: +160% per l'azitromicina
di Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Gennaio 2021, 13:45 - Ultimo aggiornamento: 16:43

Era prevedibile e a confermarlo sono ora i dati dell'Aifa sull'uso degli antibiotici in Italia nel 2020: il Covid-19 ha fatto aumentare il ricorso a questi medicinali, soprattutto nella fase iniziale della pandemia ed è l'azitromicina, un macrolide, ad essere schizzato in alto. A marzo quando il coronavirus ha fatto la sua comparsa, in assenza di specifiche terapie per il trattamento dei pazienti si è arrivati, soprattutto in ambito ospedaliero, a utilizzare gli antibiotici anche «per il fatto che - si legge nel rapporto - come avviene in molte infezioni virali, i pazienti più gravi sono a maggior rischio di sviluppare infezioni secondarie con conseguenze anche fatali». Solo recentemente un'analisi ha stimato che tuttavia solo il 7% dei pazienti con Covid, presentava un'infezione batterica con il livello massimo dell'8,1% nei casi più critici e ciononostante il 70% dei pazienti con il virus veniva trattato con antibiotici

Reithera, vaccino italiano presentato allo Spallanzani: «Basta una sola dose ed è sicuro». Ecco come funziona

Se si approfondisce l’analisi sull’andamento dei consumi dei macrolidi, si osserva nel 2020 un incremento del 77% rispetto all'anno precedente con l’azitromicina che ha fatto registrare un aumento del 160%. La maggior parte dei consumi si è avuto in ospedale anche se confrontando l'andamento regionale si osservano delle differenze con variazioni massime comprese tra il +381,9% e il +245,5% dell'Emilia Romagna e della Campania e il +12,4% nel Molise o il +25,7% della provincia autonoma di Bolzano.

Vaccino, medico di base ricoverato per Covid a Sondrio dopo la prima dose: «Forse era già positivo»

«La diversa entità delle variazioni registrate nelle aree geografiche dipende verosimilmente - prosegue l'Aifa - oltre che dal diverso impatto dell’epidemia, dall’applicazione di differenti protocolli terapeutici e dall’impatto delle sperimentazioni in atto nelle diverse regioni. L’incremento degli acquisti dell’azitromicina registra un picco nel mese di marzo 2020, con un valore di nove volte superiore a quello del 2019».

© RIPRODUZIONE RISERVATA