Aria delle palestre inquinata
quasi come una strada

Aria delle palestre inquinata quasi come una strada
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 12 Novembre 2014, 19:13 - Ultimo aggiornamento: 19:31

Monossido di carbonio, anidride carbonica, ozono, polveri, sostanze chimiche e formaldeide: questa è l'aria che respiriamo quando andiamo in palestra ad allenarci per stare in forma e sentirci meglio, soprattutto di pomeriggio, durante i corsi sono più affollati. E' quanto rivela uno studio condotto dalle università di Lisbona e di Delft in Olanda nelle palestre di Lisbona, che verrà pubblicato prossimo della rivista“Building and environment”.

La ricerca, condotta in 11 palestre della capitale portoghese, ha monitorato la qualità dell'aria in ognuna delle loro stanze. Si è così visto che tutte avevano alti livelli di pulviscoli, polveri, formaldeide e andiride carbonica, in concentrazioni superiori agli standard europei previsti per gli ambienti chiusi. Dati che che potrebbero essere sovrapposti alle palestre italiane.

I valori peggiori si raggiungevano la sera, durante le lezioni di aerobica, dove molte persone sono concentrate in una stanza, spesso molto piccola, facendo aumentare polveri e fumi e producendo anidride carbonica ad ogni respiro. Le alte concentrazioni di polveri e sostanze chimiche come la formaldeide che si sprigionano - commenta Carla Ramos, coordinatrice della ricerca -. In sufficienti concentrazioni queste sostanze possono, infatti, contribuire all'asma e altri probeli respiratori, mentre l'anidride carbonica, ad alti livelli, può contribuire all'affaticamento del corpo».

Nessuna delle palestre monitorate aveva livelli misurabili di monossido di carbonio, uno degli elementi più pericolosi. L'invito non è quindi quello di evitare le palestre ma «a richiedere su che tipo di prodotti per la pulizia si usano e se il pavimento viene lavato o spazzato»

© RIPRODUZIONE RISERVATA