«Un pacco per suo nipote». Derubata di 100mila euro dal falso direttore delle Poste

In due si sono introdotti nell’abitazione della donna portando via gioielli e contanti

«Un pacco per suo nipote». Derubata di 100mila euro dal falso direttore delle Poste
di Karen Leonardi
4 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 08:42

Anziani sotto scacco ai Castelli. Ancora una volta la terza età è vittima di truffatori in azione secondo un copione ormai collaudato per conquistare la fiducia di persone vulnerabili e poi derubarli. «Suo nipote ha avuto un incidente, servono soldi» oppure «Abbiamo un pacco di suo nipote in giacenza, per sbloccarlo deve darci denaro in contanti». La telefonata e poi si presentano alla porta di casa. In un caso, a Ciampino una coppia di coniugi ha fiutato subito l'imbroglio e ha chiamato i carabinieri. In un altro, invece, è andata peggio: sabato mattina una 92enne residente in via Garibaldi, al centro storico di Genzano è stata derubata di argenti e gioielli per un valore di 100 mila euro da un finto Direttore delle poste. Una telefonata e la richiesta di una cospicua somma di denaro per sbloccare il pacco fermo all'ufficio di zona.

Roma, casa a luci rosse per anziani al Torrino. «Siamo Covid-free», l'annuncio in rete


LA CHIAMATA
«Per ritirarlo servono circa 6 mila euro che deve consegnare alla postina quando viene a casa sua». Sabato 30 aprile, all'ora di pranzo, una complice si presenta alla porta di casa della malcapitata. La donna simula di chiamare al cellulare il nipote della vittima. Invece dall'altra parte c'è il truffatore che, fingendo di essere il nipote (di cui conosce il nome) la convince a dare quanto viene richiesto per la consegna del pacco. «Non ho tutti questi soldi- risponde la vecchina classe 1930 - e non so proprio come fare». A quel punto le viene detto di racimolare monili e argenteria per saldare e arrivare alla somma di 6000 euro.
Mentre la vittima in fretta e in furia svuota porta gioie e cassetti, la donna, con la scusa di andare in bagno, si intrufola in camera da letto e ruba tutto quello che trova.
A dare l'allarme al commissariato di Genzano, è stata la figlia dell'ultranovantenne che ha visto uscire due sconosciuti dall'appartamento della madre. È ora caccia aperta a Bonnie e Clyde. La polizia sta visionando i filmati e le immagini riprese dalla telecamera installate nella zona. La vittima non é stata in grado di fornire indizi precisi, né element attraverso i quali si possa risalire all'identità della coppia dei, malviventi.

«Ciao, ti ricordi di me?». La truffa agli anziani seguiti nei parcheggi. «Attenti a quell'uomo biondo con l'auto scura»


A Ciampino, invece, l'altro caso. Ma stavolta l'interlocutore, al telefono, è stato troppo insistente e poco credibile per l'anziana donna che ha chiamato subito il marito e, insieme, hanno poi avvisato i carabinieri della Tenenza. In questo caso la telefonata era per comunicare un incidente di un familiare degli anziani coniugi. «Suo nipote è in grave condizioni, servono dei soldi per aiutarlo».
LA REAZIONE
Ma la pensionata che, a quanto pare aveva seguito uno di quei corsi sulla sicurezza tenuto dai carabinieri nelle parrocchie e nei centri anziani - non si è lasciata ingannare dal falso incidente. Gli aspiranti truffatori sono stati identificati nelle vicinanze dell'abitazione, pronti ad entrare in azione. A individuarli sono stati gli agenti della polizia locale del comando di Ciampino che, ricevuta la segnalazione da parte dei militari, hanno raggiunto in pochi attimi il domicilio degli anziani e hanno proceduto all'identificazione di alcuni sospettati, trovati nelle immediate adiacenze dell'area interessata.
Si tratta anche in questo caso di un uomo e una donna sui quaranta anni e provenienti da un'altra regione. Utile all'attività investigativa é stata la visione dei video registrati dagli impianti di videosorveglianza presenti sul territorio, che hanno consentito agli inquirenti di effettuare una rapida ricostruzione della dinamica della vicenda, riuscendo, quindi a sventare il tentativo di truffa messo in atto. Ed è sempre più allarme per i pensionati, dunque, e non a caso le forze dell'ordine hanno intensificato negli ultimi mesi gli incontri con la cittadinanza proprio sul tema della sicurezza e su come difendersi dai raggiri. Ad Ariccia domani, alle 16.30, presso il centro Anziani, il comandante della stazione dei carabinieri spiegherà come fare per non incappare nelle truffe.

Roma, truffe agli anziani: casi triplicati in un anno. Ecco i quartieri più colpiti
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA