Scuola, feste (senza mascherine) e fumogeni per l'ultima campanella: nel cortile c'è il party

Scuola, feste e musica (senza mascherine) per l'ultima campanella: nel cortile scatta il party
di Marco Pasqua
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Giugno 2021, 23:24 - Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 11:33

Non è stato un “normale” ultimo giorno di scuola. La pandemia e la Dad, oltre agli Open day vaccinali per i maturandi, hanno contributo a rimarcare la straordinarietà di questo stop dei corsi per gli studenti degli istituti romani. E qualcuno ha pensato di rendere la giornata unica, memorabile. L’intuizione che l’ultimo giorno si sarebbe tramutato in un maxi-party, era venuta, per prima, alla dirigente scolastica del liceo Virgilio, Isabella Palagi: la scorsa settimana aveva comunicato che lunedì e martedì tutti i corsi si sarebbe tenuti in Dad, per evitare assembramenti a rischio.

Video

Leggi anche:-> Oltre 700 maturandi già vaccinati. Boom di adesioni all'open week: pronte 4mila dosi

Ma gli studenti del liceo di via Giulia – capitanati da un collettivo sempre in prima linea, in tema di occupazioni e proteste anti-presidenza - sono insorti, sui social, minacciando anche un flasmob. Risultato: la preside ha comunicato che le lezioni di ieri si sarebbero, invece, tenute in presenza. Ad una condizione: che l’utilizzo del cortile sarebbe stato possibile solo «mantenendo un atteggiamento adeguato» ed esclusivamente durante l’intervallo e con ogni classe accompagnata dal docente di riferimento, che avrebbe dovuto «effettuare la vigilanza sull’intero gruppo». Ma così non è stato: il cortile è stato invaso dai fumogeni colorati, mentre decine di studenti – la gran parte senza mascherine – ha iniziato ad intonare cori. Una scena analoga si è vista nel cortile del Pilo Albertelli, all’Esquilino: qui gli studenti, anche in questo caso senza mascherine, hanno ballato sulle note dei maggiori successi pop. Fumogeni e bottiglie di spumante all’ingresso del Primo Levi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA