I suoi rottweiler liberi attaccano un uomo: lei fugge. Trovata graie alle telecamere e denunciata

A Ponte Galeria un clochard quasi ucciso dai morsi dei cani, la padrona dovrà rispondere di lesioni gravi e omesso controllo

I suoi rottweiler liberi attaccano un uomo: lei fugge. Trovata graie alle telecamere e denunciata
di Marco De Risi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Dicembre 2021, 12:15

Un'aggressione che fece scalpore. Un senzatetto che stava dormendo in un tratto di prato di Ponte Galeria dilaniato dall'attacco di due grossi rottweiler. Solo per un caso l'uomo non morì dissanguato, perché i cani smisero di azzannarlo da soli e per lui questo significò la salvezza. L'attacco dei molossoidi accadde il 6 novembre e fu la polizia a soccorrere l'uomo portandolo al San Camillo, dove giunse in codice rosso e fu ricoverato in prognosi riservata. Mancava un tassello importante: di chi fossero i due molossi e come agì il proprietario.

I ladri prendono di mira il mercatino di Natale il vigilante sguinzaglia il rottweiler e li mette in fuga


L'INDAGINE
Sono stati gli agenti del commissariato San Paolo, su impulso della Procura, a risolvere il caso. Infatti ieri è stato rintracciato il padrone. Si tratta di una donna di circa 60 anni, che ora deve rispondere di una serie di reati: omesso controllo dei cani, lesioni gravi ed anche omissione di soccorso. Infatti, il giorno dell'aggressione non intervenne nessuno a bloccare i cani che agirono, ovviamente, senza museruola e guinzaglio. Per legge, loro non sarebbero potuti andare in giro sciolti. Poi la padrona sarebbe dovuta intervenire per bloccare l'aggressione e chiamare immediatamente soccorsi. La padrona, invece, è stato accertato, non ha fatto nulla di tutto ciò. Quando i cani sono ritornati da lei con il muso sporco di sangue, li ha caricati in auto e si è allontanata.
Un'indagine quella del commissariato San Paolo, diretto da Michele Peloso, che non è stata facile almeno in un primo momento. Il senza fissa dimora riportò una serie di gravi ferite alle gambe e alle mani, con cui lo straniero tentò di parare l'aggressione dei molossi. All'uomo furono applicati decine di punti di sutura a causa dei morsi e fu solo per fortuna che non venne azzannato all'arteria femorale, che avrebbe potuto provocarne la morte in pochi minuti.
Gli investigatori sono riusciti a recuperare un video dove è filmata l'aggressione dei casi al senza fissa dimora.


LE IMMAGINI
La telecamera è quella di un'uscita della Fiera di Roma. Si vede l'uomo che viene attaccato dai rottweiler in totale solitudine. Non c'è traccia dell'intervento della padrona, alla quale gli inquirenti hanno da subito dato la caccia. Da questo punto di vista è stato importante la testimonianza di una guardia giurata della Fiera di Roma. Il custode riferì il modello di auto sulla quale erano saliti i due cani, portati via dalla proprietaria. Non solo, il vigilante ricordava e ha riportato alla polizia anche qualche numero della targa. Agli agenti non è restato altro da fare che abbinare quei numeri al modello di automobile fino a risalire a quella della padrona dei rottweiler. Ecco che gli investigatori sono andati a casa della sessantenne dove hanno trovato anche i due molossi.


AL CANILE
La donna è stata denunciata per più reati e non ha potuto negare l'evidenza, e cioè che lei è la proprietaria dei cani, lasciati liberi e da soli. I cani sono apparsi agli agenti mansueti. Molto probabilmente se fossero stati seguiti dal padrone non avrebbero mai attaccato il senza fissa dimora. Invece, ora è molto concreto il rischio che il magistrato ordini alla Asl di toglierle i due animali, che finirebbero al canile. Provvedimento che, probabilmente, avverrà già nei prossimi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA