Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, al pronto soccorso lo rimandano a casa per gastrite: muore per infarto 6 ore dopo. A processo medico del Cristo Re

La vittima aveva 53 anni. Secondo il Pm si sarebbe potuto salvare con un ricovero, esami e una terapia corretta

Roma, al pronto soccorso lo rimandano a casa per gastrite: muore per infarto 6 ore dopo. A processo medico del Cristo Re
di Michela Allegri
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 07:11 - Ultimo aggiornamento: 18:57

Dopo tre giorni di dolori lancinanti allo stomaco, che non passavano utilizzando gastroprotettori e farmaci antireflusso, era andato al pronto soccorso per chiedere aiuto. Lì, invece di diagnosticargli un infarto acuto in atto, lo avevano dimesso troppo in fretta, rimandandolo a casa con alcune raccomandazioni: seguire una dieta leggera e insistere con la terapia. E lui, un cinquantatreenne romano, era tornato nel suo appartamento quasi sollevato: sofferente, ma convinto di non avere nessuna malattia grave. Giuseppe Mura, operaio di Primavalle, addetto alle pulizie nel reparto assistenza volo dell'aeroporto di Ciampino, era morto la mattina successiva, sei ore dopo il mancato ricovero: è stato stroncato da un attacco cardiaco che si è protratto. Una patologia grave e acuta che, secondo il pubblico ministero Vincenzo Barba, si sarebbe potuta curare con una diagnosi tempestiva e un trattamento farmacologico adeguato. Per questo motivo, ora, il medico che il 25 novembre del 2019 si trovava al triage dell'ospedale Cristo Re è stato rinviato a giudizio dal gup Tamara De Amicis con l'accusa di omicidio colposo.
Dalla cartella clinica sequestrata dalla Procura è emerso che l'infarto in corso era stato scambiato per una epigastralgia, cioè un dolore localizzato tra l'ombelico e la parte alta dell'addome, variabile da persona a persona. Mura sarebbe stato visitato in modo troppo sbrigativo: l'ingresso al pronto soccorso era stato registrato alle 22.50, mentre le dimissioni erano avvenute alle ore 23.47, dopo una lunga attesa prima della visita. Ecco diagnosi e prescrizioni: «Dolore addominale epigastrico», «si consiglia Pantorc - un farmaco inibitore della pompa protonica, ndr - a digiuno per un mese», da assumere insieme ad altri medicinali antireflusso da prendere per una settimana: Gaviscon Advance in bustine dopo i pasti e prima di coricarsi per sette giorni, e lo sciroppo Peridon trenta minuti prima di pranzo e cena.

Matteo Taglienti, l'autista alla guida dell'auto che lo ha investito sul monopattino era positivo alla droga


LA FAMIGLIA
La moglie ha raccontato che l'uomo aveva avuto un altro forte malore tre ore dopo le dimissioni, mentre era a casa, a letto. La morte era stata registrata dal medico legale alle 6,50. Mura ha lasciato un figlio di 18 anni, oltre alla moglie e alla madre.
Secondo gli inquirenti, il medico di turno, una dottoressa, avrebbe sottovalutato i risultati dell'elettrocardiogramma. Il tracciato, infatti, era «al limite della norma», ma evidenziava due anomalie che non sarebbero state considerate. Nel capo di imputazione si legge che il camice bianco, «discostandosi dalle linee guida del settore», non avrebbe adeguatamente considerato il quadro clinico del paziente: nonostante il «dolore addominale epigastrico da tre giorni, di tipo intermittente», resistente alle terapie, non avrebbe disposto prima il ricovero e poi ulteriori accertamenti. E questo «nonostante i sintomi riferiti dal paziente Giuseppe Mura rientrassero nelle possibili manifestazioni atipiche di una sindrome coronarica acuta». Secondo i medici legali incaricati dagli inquirenti di effettuare l'autopsia, l'errore più grave sarebbe stato dimettere il cinquantatreenne: il decesso, per l'accusa, era evitabile. Sarebbe bastata una lettura più accurata dell'elettrocardiogramma. Invece, Mura era morto a causa della rottura di una placca coronarica, avvenuta proprio a ridosso della permanenza in ospedale. I familiari dell'operaio si sono costituiti parte civile con l'avvocato Cesare Piraino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA