Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Le rapine a Monte Sacro: nella banda solo minori​. Dicevano: «A 20 anni Roma sarà nostra»

Sgominata dai carabinieri la gang che imperversava a piazza Sempione

Le rapine a Monte Sacro: nella banda solo minori . Dicevano: «A 20 anni Roma sarà nostra»
di Alessia Marani
4 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 23:24 - Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 09:20

Botte, violenza, agguati. La baby gang terrore di piazza Sempione agiva così per accaparrarsi vestiti di marca, Iphone, cuffie della Apple e soldi. Ma soprattutto per noia. Vittime erano giovanissimi come loro, minori, ma anche adulti. Come un gruppo criminale si erano strutturati con incarichi e ruoli precisi: «Se pijamo tutto, semo partiti da zero e semo già arrivati a buon punto, senza avecce nessuno dietro, quando c’avremo 20-25 anni ce saremo noi al controllo de Roma, tutti ci temono». I pestaggi venivano ripresi con lo smartphone. I responsabili delle scorribande sono stati, però, identificati e arrestati dai carabinieri della Compagnia di Montesacro.

Rapina, tentata estorsione, lesioni e minacce aggravate, sono i reati contestati in concorso ai quattro ragazzini tra i 16 e i 17 anni, italiani, figli di pregiudicati ma solo uno di loro con precedenti. I militari hanno eseguito nei loro confronti un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del collocamento in comunità, emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni. I fatti contestati si riferiscono ai mesi di marzo, ottobre e novembre 2021. Alcuni dei raid nel quartiere e «il quadro di indubbio allarme sociale», come lo descrive il gip nell’ordinanza, erano stati raccontati dal Messaggero nel novembre scorso. In un due occasioni, le vittime, selvaggiamente picchiate, erano finite in pronto soccorso con prognosi di 20 e 30 giorni. Ma i carabinieri erano già al lavoro, sulle tracce della gang. Del gruppo hanno fatto parte anche ragazze, al momento non indagate; testimoni hanno indicato sciami di 10-15 ragazzini che colpivano specie sulle scalette della chiesa dei Santi Angeli Custodi e alla fermata dell’autobus.

MALAMOVIDA E AUDIO

Le indagini, condotte dai carabinieri della stazione di Città Giardino, da ottobre 2021 fino ad aprile 2022, hanno consentito, attraverso acquisizione di video, testimonianze, analisi dei tabulati telefonici, ispezioni degli apparecchi telefonici in uso agli indagati e alle persone informate sui fatti e dalle analisi delle chat social, di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei ragazzi in merito a quattro precisi episodi. L’escalation criminale definita come «mala movida» in piazza Sempione, aveva generato un profondo senso di insicurezza da parte dei residenti e dei comitati di quartiere locali, tanto da invocare maggiori controlli e presenza da parte degli amministratori locali e delle forze dell’ordine.

I raid si verificavano sempre dopo le 23, concentrati nel week-end. In un caso uno dei giovani si è avvicinato alla vittima con un pretesto: «C’è qualche problema?». Poi gli ha chiesto 2 euro e ha tentato di spegnere la sigaretta sul suo viso prendendolo a schiaffi. Arrivati davanti a un locale, i buttafuori non fanno entrare i quattro bulli. E loro: «Voi non sapere chi siamo noi.. chiamiamo i nostri amici che vi chiedono il pizzo.. vi sparano.. v’ammazzano», poi li picchiano procurandogli un trauma a un occhio e la frattura del naso. A fratello e sorella di 17 e 16 anni dicono: «Chiamiamo gli albanesi e vi riempiamo di buchi». La banda era molto unita. In un audio uno dei ragazzi dice: «Sei er ciccione mio, saremo sempre uniti contro tutti... se pijamo tutto». I quattro si allenavano sul ring di boxe pronti a sfidare altre gang, come quella di Fidene: «Guarda che vengono in 300», dice uno; «stica.. je menamo a tutti... Tanto stupramo la gente...». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA