Roma, luminarie a Via Merulana: dopo 5 mesi a rischio crollo, strada chiusa e traffico in tilt

La denuncia dei commercianti: "Da gennaio aspettiamo la ditta"

Luminarie a Via Merulana: dopo 5 mesi a rischio crollo
di Laura Bogliolo
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 10:58 - Ultimo aggiornamento: 12:05

«A Roma è sempre Natale». Lo vorrebbero sicuramente gli appassionati della magica atmosfera che inizia ad avvolgere la città l'8 dicembre. Rabbrividirebbero i Grinch di tutto il mondo (e non sono pochi). I residenti dell'Esquilino, invece, si ritrovano senza volerlo in una sorta di buco temporale. Con il naso all'insù da mesi osservano le luminarie natalizie di via Merulana. «Sempre più deteriorate e ora pericolose» dicono. Perché i fili elettrici scivolano via fino a sfiorare i tetti dei camion e dei bus turistici a due piani. Sono state tante le telefonate fatte negli ultimi giorni a pompieri e agenti della Polizia Locale di Roma Capitale.

Via Veneto pedonale, la proposta dei locali che spacca il quartiere nel cuore di Roma

E nella notte tra domenica e lunedì è scattato l'intervento dei vigili del fuoco che dopo un sopralluogo hanno decretato: «Luminarie a rischio crollo, chiudete la strada, vanno rimosse». Da ieri mattina sono al lavoro tecnici che le stanno togliendo con una intervento di emergenza. Gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale hanno dovuto chiudere al traffico, in entrambi i sensi, via Merulana tra via Labicana e piazza di Santa Maria Maggiore ed è stato il caos per il traffico con ripercussioni sulla viabilità dell'area: si sono registrati rallentamenti e code in particolare su via della Ferratella in Laterano, via dei Laterani, piazza dell'Esquilino, piazza di Santa Maria Maggiore, via Carlo Alberto e via Emanuele Filiberto. Le linee bus dell'Atac 16 e 714 sono state deviate. Le luci sono state installate dai negozianti della strada.

Nomentana chiusa per un guasto ai fili del tram: traffico in tilt e bus in ritardo

Simone Braghetta, presidente della Rete Commercianti Merulana-Statuto spiega: «Da mesi stiamo chiedendo alla ditta installatrice privata di rimuoverle così come era stato previsto, la situazione purtroppo non si è sbloccata, abbiamo sollecitato l'intervento più volte, io stesso giorni fa ho fatto avere ai vigili urbani foto della situazione critica delle luminarie che con il tempo ovviamente hanno avuto dei danni: molti fili erano sganciati e c'era il rischio che fossero travolti durante il passaggio di qualche mezzo». Braghetta aggiunge che «circa 40 giorni fa i vigili hanno fatto un sopralluogo e abbiamo comunicato i dati della ditta installatrice».

 

La spesa per le luci di solito è di 10-12mila euro. «Di solito le installiamo l'8 dicembre, ma le operazioni sono state più lente - dice Braghetta - dovevano essere tolte come sempre dopo l'Epifania, ma la ditta installatrice privata non l'ha fatto. Ci dispiace che alla fine sia stato necessario addirittura l'intervento dei pompieri». «È fondamentale - ha sottolineato Stefano Marin, assessore alle politiche ambientali del I Municipio - assicurare sicurezza e decoro al rione, bisogna fare in modo che le ditte che non si comportano bene con imprenditori, residenti e istituzioni non siano più interpellate e vengano messe in una sorta di black list. Sto vigilando personalmente sulla riapertura della strada».
laura.bogliolo@ilmessaggero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA