Roma, infermieri no-vax «pentiti»: 2 anziani in ospedale. Burioni a Draghi: subito l'obbligo vaccinale

Roma, infermieri no-vax «pentiti»: 2 anziani in ospedale. Burioni a Draghi: subito l'obbligo vaccinale
di Lorenzo De Cicco
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Marzo 2021, 13:28 - Ultimo aggiornamento: 18:38

Ora che due anziani ospiti della casa di riposo sono finiti in ospedale, gli infermieri no vax di Fiano Romano si dicono pentiti. Questo almeno racconta il titolare dell’ospizio diventato cluster Covid, Roberto Agresti: «I nostri operatori socio-sanitari sono rammaricati, pentiti, gli altri ospiti per fortuna stanno bene, ma sono molto anziani, siamo tutti preoccupati che la situazione peggiori».

Fiano, infermieri no vax «pentiti». Due anziani finiscono in ospedale

Infermieri no vax a Roma: infettati 27 anziani in una casa di riposo. Il titolare: «Non saranno licenziati»

Il rifiuto dell vaccino

A portare il virus dentro la struttura a 20 chilometri da Roma è stata un’operatrice socio sanitaria che aveva rifiutato il vaccino. Ha contagiato due colleghi, anche loro no vax, poi il morbo si è propagato tra gli ospiti, quasi tutti ultra-ottantenni con più patologie. Per fortuna 24 su 36 erano stati vaccinati e solo 15 si sono reinfettati, ma senza sintomi. Tra i 12 anziani non vaccinati invece 2 sono peggiorati al punto da rendere necessario il ricovero, ieri sera.

Sulla vicenda, raccontata dal Messaggero, è intervenuto il virologo Roberto Burioni. Che su Twitter ha preso ad esempio la vicenda di Fiano Romano per invitare Draghi ad accelerare sull’obbligo vaccinale: «Presidente, ci sbrighiamo? Ieri l’ha annunciato ma il decreto che obblighi i sanitari alla vaccinazione è molto urgente. Non facciamoci scappare il morto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA