Diabolik, tre settimane fa il matrimonio della figlia: «Papà mio. Che gli avete fatto?»

Giovedì 8 Agosto 2019
1

Fabrizio Piscitelli, noto come Diabolik, aveva accompagnato all'altare Giorgia appena tre settimane fa. La figlia dell'ultrà della Lazio non è risucita a trattenere rabbia e lacrime quando - ieri sera - è arrivata al Parco degli Acquedotti, dove il padre è stato ucciso: «Bastardi - ha gridato a chi ha ucciso Diabolik - che gli avete fatto? Papà mio... Alle spalle. No». 

Agguato a Roma, gli amici della vittima contro i giornalisti: «Andate via infami»

Dolore anche alla sede degli Irriducibili di via Amulio, in zona Tuscolana, a poca distanza da dove è stato ucciso l'ex capo ultrà della Lazio Fabrizio Piscitelli, dove sono apparsi mazzi di fiori. Qualcuno ne ha portati anche nel parco degli Acquedotti dove l'uomo è morto.
 


Uno striscione, con scritto «Diablo vive», è stato appeso alle 4,20 della notte scorsa sul ponte degli Annibaldi al Colosseo e firmato con la sigla degli Irriducibili. All'arrivo della volante del commissariato Celio lo striscione è stato arrotolato e rimosso dai 5 uomini sul posto, sorpresi dagli agenti e tutti identificati.

Ultimo aggiornamento: 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma