ROMA

Cerciello, chiesto giudizio immediato per i due americani

Giovedì 14 Novembre 2019 di Michela Allegri
2
Cerciello, chiesto giudizio immediato per i due americani

Omicidio Cerciello, chiusa indagine sui due americani. La Procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per Finningan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort, accusati del concorso in omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello, avvenuto la notte del 26 luglio scorso. I magistrati di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore Michele Prestipino e dall'aggiunto Nunzia D'Elia, hanno chiuso le indagini.

Carabiniere ucciso, il collega denuncia Hjorth per lesioni
 

La procura ha chiesto l’immediata cautelare. Le accuse per i due giovani statinitensi sono di tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e, ovviamente, omicidio.

Elementi di prova che restano «granitici» al punto da chiedere il giudizio immediato. Colpo d'acceleratore della Procura di Roma nell'indagine sulla morte del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello, colpito con 11 coltellate all'addome la notte del 26 luglio scorso. I magistrati hanno chiuso le indagini del filone principale chiedendo il processo per Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort, i due studenti americani che aggredirono Cerciello e il suo collega Andrea Varriale che si erano recati in via Pietro Cossa, nel quartiere Prati, per recuperare lo zaino che era stato sottratto alcune ore prima a Trastevere all'intermediario dei pusher Sergio Brugiadelli.

Nei confronti dei due indagati, che si trovano nel carcere di Regina Coeli, i magistrati di piazzale Clodio contestano i reati di concorso in omicidio, tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Gli inquirenti sono, quindi, giunti a delineare il quadro di una vicenda complessa e in cui i punti da chiarire, in primo luogo il perché Cerciello e Varriale fossero andati all'appuntamento disarmati, sono stati molti e al centro di polemiche. La Procura ha inviato oggi al gip la richiesta di immediato che consente di portare il processo direttamente davanti alla corte d'Assise saltando la fase delle udienze preliminari.

L'attività di indagine nelle ultime settimane si è concentrata sugli esami tecnici svolti su reperti anche quelli raccolti nella stanza d'albergo, a 80 metri dal luogo dell'omicidio, dove i due ventenni alloggiavano. La svolta è arrivata il 13 settembre con i primi risultati delle analisi svolte dal Ris che hanno individuato impronte (palmari e digitali) di Natale, accusato su uno dei pannelli del controsoffitto della camera dell'albergo dove fu nascosto il coltello a lama lunga utilizzato da Elder, reo confesso, per colpire Cerciello.

Un elemento, secondo gli inquirenti, importante alla luce del fatto che Natale ha sempre negato di avere avuto a che fare con l'arma. Che i due avessero «dimestichezza» con armi e coltelli è emerso in modo lampante dall'analisi dei cellulari. Decine le foto che li ritraggono mentre impugnano pistole e armi da taglio in quella che appare come una sorta di ossessione. Dalle verifiche sui cellulari sono spuntate fuori anche moltissime foto di droga e denaro in contante.

«La quantità di immagini presenti all'interno dell'apparato telefonico - si legge in una informativa dei carabinieri - aventi per oggetto effigi che riproducono narcotici e medicinali di vario tipo, è risultata copiosa». Con la chiusura dell'inchiesta sull'omicidio non si completa l'attività di indagine dei pm diretti dal procuratore Michele Prestipino. Restano aperti i filoni relativi a chi ha scattato la foto in cui compare Natale bendato, con le mani legate e capo chinato, subito dopo il fermo, e la sua diffusione. Per questi due fascicoli sono indagati tre appartenenti all'Arma dei carabinieri per reati che vanno dalla rivelazione del segreto d'ufficio all'abuso d'ufficio . Su questa vicenda indaga anche la Procura militare.

 

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma