Aggressione omofoba a Roma, indagine sul video. «Stop discriminazioni»

Dopo l'aggressione omofoba a Roma arriva la reazione della politica: «Approvare subito legge contro l'omofobia»
4 Minuti di Lettura
Domenica 21 Marzo 2021, 18:15 - Ultimo aggiornamento: 18:24

Indagini in corso per l'aggressione omofoba di venerdì 26 febbraio. Lungo la banchina della stazione della metro Valle Aurelia, due giovani, uno attivista e l'altro socio dell'associazione Gaynet Roma, si erano scambiati un bacio e un uomo li aveva presi a calci e pungi. Dopo la denuncia di una delle due vittime, gli investigatori hanno acquisito le immagini delle telecamere per ottenere tutte le informazioni utili. Arrivano intanto le reazioni del mondo politico.

Il segretario del Pd, Enrico Letta, scrive in un tweet: «Solidarietà e vicinanza a Jean Pierre per l’intollerabile aggressione di #ValleAurelia. L’impegno del @pdnetwork contro l’ #omofobia e a favore del #DDLZan proseguirà con ancora maggiore determinazione. Basta!».

La ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, scrive su Facebook: «A questi due ragazzi tutta la mia vicinanza. Scene come questa, la violenza, la discriminazione, ci offendono tutti. Umiliano la nostra coscienza di Paese. E noi dobbiamo ripudiarle, senza se e senza ma».

La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, commenta su Facebook: «Rimango scioccata davanti questa assurda e brutale violenza a Roma a danno di un ragazzo che, dalle ricostruzioni della stampa, sarebbe stato aggredito solo perché baciava il suo compagno. Spero che il responsabile di questa vigliacca violenza la paghi: queste immagini sono indegne per un paese civile. La mia piena solidarietà al ragazzo aggredito».

Il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, dice con un tweet: «Condanno fermamente il vile attacco ai danni di un ragazzo aggredito, a #Roma, perché baciava il compagno. Questo ci ricorda quanto sia importante combattere ogni giorno e con ogni mezzo l’#omofobia e ogni tipo di #discriminazione e #violenza».

La sindaca di Roma Virginia Raggi tweetta: «Solidarietà e vicinanza ai due ragazzi vittime di un'aggressione alla stazione Valle Aurelia. Ogni forma di discriminazione e violenza va fermamente condannata. Episodi come questo rappresentano un'offesa intollerabile verso tutta la nostra comunità».

L'ex segretario del Pd Nicola Zingaretti scrive su Facebook: «Due ragazzi picchiati per un bacio. Sembra incredibile ma è successo a una coppia gay pochi giorni fa a Roma. Hanno tutto il nostro sostegno. Ora subito la legge Zan contro l’omofobia. È tempo di un Paese più giusto per tutti».

Anche la vicepresidente del Senato della Repubblica, Anna Rossomando, interviene. «Dobbiamo superare il ritardo del Parlamento italiano sulla #leggeZan . Perché come dimostra questo video l'#omofobia non aspetta. La calendarizzazione al Senato è un impegno, per una comunità dei diritti contro l'odio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA