Roma, a viale Tiziano insediamento abusivo e degrado. I residenti: «Nessuno sgombero, è uno scempio»

Le baracche di fronte lo stadio Flaminio, richieste già inoltrate al Municipio

Roma, a viale Tiziano insediamento abusivo e degrado. I residenti: «Nessuno interviene per lo sgombero»
di Raffaele Marra
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Ottobre 2022, 13:02 - Ultimo aggiornamento: 13:42

Il degrado e gli insediamenti abusivi non fanno sconti a nessun quartiere romano. L’ultimo ad esserne colpito è il Flaminio, e precisamente in viale Tiziano altezza di via Enrico Chiaradia in pieno centro di Roma. E’ l’ultima denuncia che arriva dai residenti che mal sopportano l’ammasso di baracche venutosi a formare a bordo strada dove vivono persone senza fissa dimora. «E’ una vergogna - dice la signora Anna che abita non distante in via Canina - che in un parco immerso nel verde, con fontana, chiesa e monumenti e dove passano tanti ragazzi per andare a scuola debbano assistere a questo scempio, poi oltretutto è anche pericoloso perché queste persone in più di un’occasione si sono avvicinati ai ragazzi in modo aggressivo per chiedere soldi o cibo».

Roma, a piazza Bologna degrado e abbandono del punto ristoro. «Fatiscente e pieno di rifiuti, così dal 2017»

Un problema che ormai va aventi da qualche anno come fa notare acme il consigliere della Lega del I Municipio Francesco De Salazar: «Ho sollevato più di una volta il problema, al Dipartimento Ambiente, al Dipartimento dei Lavori Pubblici, alla Polizia locale e alla Direzione del Municipio, ma non si è mosso nessuno, le Forze dell’Ordine ne sono al corrente e aspettano un’ordinanza per procedere allo sgombero, ma gli organi coinvolti non si attivano per stanziare le risorse adeguate per provvedere alla demolizione e rimozione delle masserizie, penso che debba essere attuato con urgenza». Un insediamento che si trova alle pendici del promontorio, in attesa da anni di un intervento di consolidamento e che potrebbe mettere a rischio dei senza fissa dimora che occupano l’insediamento. Tutto questo, davanti lo stadio Flaminio, già da anni luogo di abbandono.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA