lmperfezione, quel valore aggiunto per le donne anche nello sport

lmperfezione, quel valore aggiunto per le donne anche nello sport
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Novembre 2021, 12:08

«Il concetto di perfezione è il nostro chiodo fisso, per voler vincere vogliamo essere perfette, ma per vincere non bisogna per forza essere perfette. Serve trovare il proprio equilibrio e il proprio benessere per poter raggiungere l’obiettivo». Lo ha detto Rossella Gregorio, schermitrice olimpica salernitana specializzata nella sciabola, del gruppo sportivo dell’Arma dei Carabinieri, Collare d’oro nel 2017, intervenendo a Roma alla presentazione del libro “Il tempo del cuore. Il galateo delle donne imperfette” (Edizioni San Paolo), scritto da Elvira Frojo, scrittrice e giornalista, napoletana di nascita e romana d’adozione, già avvocato e dirigente della pubblica amministrazione. 
 

A pochi giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, per una sera il Circolo Parioli si è trasformato in un’agorà quasi interamente rosa, tra sport e cultura. Al centro il tema della donna e il rapporto con se stessa, la donna e le relazioni interpersonali, la donna e la complessità di una società dove la parità è ancora un miraggio, la donna e i sentimenti.  Con due testimonial di eccezione: oltre alla Gregorio, un’altra olimpica come Elisa Di Francisca, schermitrice specializzata nel fioretto, del gruppo delle Fiamme Oro della Polizia di Stato, che ha raccontato l’oro conquistato a Londra 2012 (individuale e a squadre) e l’argento a Rio de Janeiro 2016, spiegando di aver vissuto la gara in Brasile, diversamente da quella inglese, con un’eccessiva aspettativa di perfezione.

A fare gli onori di casa, il presidente del circolo Paolo Cerasi e la consigliera per gli eventi Emanuela Andreoli. A inizio serata, l’attrice Stefania Barca ha letto alcuni brani del libro che, come ha sottolineato l’autrice, è «un viaggio nella sensibilità femminile con l’accettazione dell’imperfezione quale condizione di apertura e valore aggiunto per la donna, in una società pensata al maschile ma con la consapevolezza che le fragilità possano diventare forza, riscatto, determinazione». 

Isabella Berardelli, psichiatra della Sapienza, ed Elvira Gaeta, past president club Roma Tiber del Soroptimist, hanno evidenziato che «serve maggiore solidarietà femminile nelle relazioni», mentre Marzia Roncacci, conduttrice di TG2 Italia, ha sottolineato che «anche in ambienti tutti al maschile occorre ribadire la diversità, chiedendo con forza il rispetto della persona. Basta con le quote rosa, sì alla donna competente e qualificata». 

Nella serata, scandita dalla musica di Daniela Calzetta al pianoforte, è intervenuto anche il maestro d’armi Renzo Musumeci Greco affermando la forza e la perseveranza della donna. «C’è tanta voglia e determinazione per una rivoluzione con i valori “femminili” del sentire (empatia, cura, gentilezza) di cui la società oggi ha bisogno in ogni settore», ha aggiunto la Frojo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA