Il rischio ingorghi e le bugie sul ponte: «Non dite che serve»

di Lorenzo De Cicco
«Questo tienilo per te», diceva il braccio destro di Parnasi, Luca Caporilli, intercettato, a chi gli faceva notare che «levando il ponte sul Tevere si crea il caos sulla via del Mare». E lo stesso sarebbe accaduto «sulla Roma Fiumicino, ingresso Roma ovviamente... perché prima parte di questo si caricava sulla via Ostiense-via del Mare, adesso non c'è più la connessione sul Tevere», ragionavano gli uomini di Parnasi. «Possiamo dire... possiamo dire che con la riduzione (delle...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 14 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 07:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP