Desirée, resta in carcere il quarto uomo del branco

Lunedì 3 Dicembre 2018 di Michela Allegri

Resta in carcere Yusif Salia, il quarto componente del branco che avrebbe stuprato e uccido Desirée Mariottini. Il tribunale del riesame ha confermato la ricostruzione della Procura, riconoscendo a carico di Salia - che era stato arrestato in provincia di Foggia - le accuse di violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario.

Le stesse contestazioni - escluse due aggravanti - erano state confermate anche a carico di Mamadou Gara, detto Paco. Gli stessi giudici del Riesame, invece, non le avevano riconosciute a carico di altri due indagati: Chima Alinno e Brian Minteh, rimasti comunque in carcere. La procura di Roma, comunque, non ha dubbi: tutti e quattro restano indagati per omicidio e stupro di gruppo.

«Vuoi la droga? Vieni con me»: agguato a un'altra ragazza a San Lorenzo
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA