Roma, studente Usa morto nel Tevere: sconfisse il cancro e divenne famoso in tutto il paese

Martedì 5 Luglio 2016
1
Forte, imponente eppure dolce, come solo chi l'amava sa. Ma erano tutti lontano, nessuno a proteggerlo, solo a tremare per lui, per quello sguardo buono e più vero dei muscoli. Eccolo Beau nelle foto che mostrano i familiari: piccolo, gracile, operato per una forma rara di cancro che aveva sconfitto a suon di interventi e chemio rendendo la sua odissea nota in tutta l'America. Di quel periodo, undici anni fa, restano le foto dei giornali americani in cui quel bambino che aveva sconfitto il cancro posa insieme al suo idolo di allora, Brett Lorenzo Favre, quarterback dei Green Bay Packers.

Ecco altre foto, è lo stesso Beau quel ragazzo statuario, cresciuto, che anni dopo è in tenuta da football americano, quarterback dell'università in cui studiava, abbraccia l'amica del cuore, posa assieme a gruppi di amici. Studente modello, sportivo a tutto campo, impegnato in politica, nei giovani repubblicani, pieno di amicizie fraterne che ora lo piangono a Spring Green, un paese di 1.600 abitanti del Wisconsin, dove viveva con i suoi tre fratelli e i genitori. «Amato da tutti, è lui il collante che tiene unita la nostra famiglia», ha detto nel suo appello, prima che venisse ritrovato il corpo, il fratello Jake. Carismatico e sorridente, il giovane americano aveva appena terminato il suo primo anno all'Università del Wisconsin, a Madison, dimostrando una certa passione per la politica. «Sperava di diventare un politico, un giorno».

Non si dà pace il fratello Cole. «Ho sempre cercato di fare quel che potevo, da fratello maggiore, per prendermi cura di lui. Non posso farlo quando è in un altro paese». Ma Beau Solomon Jordan è descritto come un ragazzo responsabile, «la sua unica caratteristica», ancora Cole. Per questo la famiglia ha subito temuto il peggio, si è mobilitata, ha chiesto aiuto. Basta scorrere il suo profilo facebook per capire chi era Beau, che posava abbracciato alla mamma (quanti lo farebbero a quell'età?), il sorriso limpido e fiero, la voglia di vivere e studiare, l'affetto di una famiglia unita (i suoi giovani genitori sono sposati da 27 anni). Non ha avuto il tempo di entrare in aula, alla John Cabot University, non ha potuto conoscere nuovi amici, farsi amare anche a Roma. E' sparito la sua prima notte solo nella capitale, nessun giro alcolico, non era il tipo, sarà inciampato in buona fede in due malviventi che hanno approfittato del suo sorriso pieno di fiducia, sogni e aspettative.
Ultimo aggiornamento: 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma