Nelli: «Scongiurare la chiusura del presidio diurno dei vigili del fuco ad Amatrice»

Mercoledì 17 Marzo 2021
Francesco Nelli

RIETI - «Condivido e rilancio con viva preoccupazione, l’appello del Segretario Provinciale Fns Cisl Roma Capitale e Rieti Massimo Rinaldi nonché quello di Paolo Bianchetti, Coordinatore Confederale Cisl Area Rieti, in merito alla chiusura del distaccamento diurno dei vigili del fuoco ad Amatrice», inizia così la nota del sindaco di Cittareale Francesco Nelli.

«Già in precedenza sono intervenuto per sottolineare quanto sia importante potenziare una presenza essenziale sul nostro territorio: il presidio dei Vigili del Fuoco di Amatrice».

«Come spiegato compiutamente dai sindacati, la presenza dei numerosi cantieri della ricostruzione e la possibilità della squadra di Amatrice di essere a supporto delle operazioni degli altri distaccamenti, si dimostrano delle fondamentali motivazioni».

«Se vogliamo ragionare su un’ottica di visione e di prospettiva, su una ricostruzione che vede non solo nuovi cantieri ma anche un ritorno alla vita e ai servizi nelle comunità dell’Appennino, è essenziale operare un ragionamento che vada oltre le regioni e punti alle vere necessità logistiche e di sicurezza dei territori. Solo così potremo dare un segnale forte alla popolazione che ha deciso di rimboccarsi le maniche e scommettere ancora su questo territorio».

«Per questo motivo mi unisco con fermezza nel ribadire l’assoluta necessità di lasciare attivo il presidio di Amatrice e, come spiegato dalla Cisl, di poter dar seguito a quanto stabilito nel tavolo tecnico svolto nel 2019 e al quale partecipai insieme con il Sindaco di Amatrice, l’ex Prefetto di Rieti Giuseppina Reggiani, l’attuale Capo del Corpo dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo e i vertici del Corpo, l’ex Sottosegretario di Stato per l'Interno, Stefano Candiani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA