Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Avviata la quarta dose a over 80 anni e alle categorie a rischio 60-79 anni: 50 le vaccinazioni eseguite all'ex Bosi

Avviata la quarta dose a over 80 anni e alle categorie a rischio 60-79 anni: 50 le vaccinazioni eseguite all'ex Bosi
2 Minuti di Lettura
Martedì 12 Aprile 2022, 16:52

RIETI - Questa mattina la Asl di Rieti ha avviato la somministrazione della quarta dose del vaccino contro il Covid-19 agli over 80 e alle categorie a rischio con elevata fragilità tra i 60 e i 79 anni. La decisione è stata assunta dalla Direzione Aziendale a margine del pronunciamento di Ema ed Ecdc, la riunione della Commissione tecnico scientifica di Aifa e la formalizzazione della nota congiunta di Ministero della Salute, Aifa, Iss e Css. 

Le equipe vaccinali del centro ex Bosi hanno vaccinato in quarta dose i primi 50 over 80 e contestualmente, gli operatori del servizio di assistenza domiciliare integrata e del servizio di assistenza proattiva infermieristica hanno avviato le vaccinazioni nelle Rsa, prima tra tutte la residenza sanitaria assistenziale Città di Rieti.  

Si tratta della seconda dose booster è potrà essere effettuata dalle fasce di età di riferimento trascorso un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo, mentre chi è stato positivo dopo la terza dose (booster) è esentato dal nuovo richiamo.   

La lotta contro il covid non è terminata – spiegano dalla Direzione Aziendale della Asl di Rieti. In questa fase ci rivolgiamo alle persone più fragili della popolazione: è necessario vaccinarsi con la quarta dose, poiché una ulteriore dose di vaccino anti Covid-19 mantiene alto il livello di protezione necessario proprio in quelle persone, anziane, con marcata compromissione della risposta immunitaria e in tutte le persone che, per patologia o per trattamenti farmacologici, sono da considerarsi ad elevata fragilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA