Rieti, in Provincia passaggio
di consegna tra Rinaldi e Calisse
all'insegna del fair play

Venerdì 9 Novembre 2018 di Alessandra Lancia
Rinaldi e Calisse (Foto Meloccaro)
RIETI - In Provincia cambio della guardia all’insegna del fair play tra Giuseppe Rinaldi e il nuovo presidente Mariano Calisse. Col centrodestra presente in forze, a rimarcare la vittoria sul centrosinistra dopo 23 anni di regno a Palazzo d’Oltre Velino, Calisse ha avuto parole di stima per Rinaldi, sottolineando la “totale sintonia sui punti fondamentali e più urgenti” dell’amministrazione provinciale. Tra questi la gestione di Acqua Pubblica Sabina, il completamento della Rieti-Torano, la messa in sicurezza delle scuole, l’approvazione del piano Terminillo Stazione Montana. Rinaldi, dal canto suo, ha ricordato le condizioni difficilissime in cui si é trovato ad operare, rivendicando però la sua scelta di non “gestire”, preferendo piuttosto condividere scelte e nomine. Una punta polemica rivolta più al suo campo che a quello del centrodestra, che pure preme per prendere possesso dell’ente. Alla conferenza stampa c’erano infatti tra gli altri il coordinatore di Forza Italia Sandro Grassi, il capogruppo della Lega in Comune Andrea Sebastiani, Stefano Eleuteri di Direzione Italia e Daniele Sinibaldi, coordinatore di Fratelli d’Italia, insieme a consiglieri comunali e simpatizzanti. Calisse ha riconfermato gli accordi di coalizione, che prevedono la vice presidenza in quota Lega, e ha promesso di lavorare per “ridare dignità alla Provincia e orgoglio e senso di appartenenza ai dipendenti”. Aspettando le elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale - previste a gennaio - Calisse ha affidato l’incarico di vice presidente al consigliere Marco Cossu (Fratelli d’Italia), che per anni ha fatto le pulci all’amministrazione di centrosinistra. Da Rinaldi un ultimo avvertimento: “Oggi vedo che siete in tanti, ma poi quando ci sono i problemi si resta soli...”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

M5S e Lega, il diverso approccio al governo delle cose

Colloquio di Alvaro Moretti e Simone Canettieri