Rieti, Caramignoli brilla nella batteria
degli 800 e sogna la medaglia
europea. «Sensazioni molto
positive, staremo a vedere»

Mercoledì 4 Dicembre 2019 di Mattia Esposito
Caramignoli insieme alla Quadarella
RIETI - Martina Caramignoli vuole festeggiare il ritorno in nazionale con una medaglia. La nuotatrice reatina è a Glasgow, dove stamattina sono iniziati i campionati europei in vasca corta. Subito in acqua Martina, impegnata nella terza batteria di qualificazione degli 800 stile libero, che hanno chiuso il programma della prima mattinata di gare. Il terzo posto ottenuto proprio in batteria vale un biglietto per la finale, che si disputerà domani, giovedì 5 dicembre, alle 18.40 locali, 19.40 italiane.

Martina ha chiuso con il tempo di 8'14''52'' alle spalle della compagna di nazionale e super favorita Simona Quadarella e dell'ungherese Aina Kesely. Saranno proprio loro due le avversarie principali nella gara di domani, nella quale, tempi alla mano, Martina ha ottime possibilità di andare a medaglia. Il tempo delle batterie migliora ulteriormente quello fatto al Nico Sapio lo scorso 9 novembre, quando chiuse in 8’15”.73, attestandosi sul secondo crono mondiale stagionale nella specialità.

«Le sensazioni sono molto positive, sono contenta», così Martina a Il Messaggero subito dopo le batterie di questa mattina, nella quale è stata protagonista di un'ottima gestione: partenza forte, poi Quadarella e Kesely che si prendono le prime due posizioni e Martina che scivola momentaneamente quarta alle spalle della tedesca Boy, rimontata e scavalcata nei 200 metri finali. Il grande appuntamento, come detto, è quello di domani, quando poco prima delle 20 Martina Caramignoli sarà impegnata in finale.

Con il tempo di oggi strappare una medaglia sarà possibile, anche se Quadarella e Kesely per il momento sembrano avere qualcosa in più per la corsa alla medaglia d'oro: «Non voglio aspettarmi nulla - dice Martina sempre a Il Messaggero - ho dimostrato di essermi meritata la chiamata in azzurro, domani saremo tutte li, vedremo».

Ci crede Martina, e lo fa forte del terzo tempo assoluto nelle tre batterie e di un ottimo momento di forma. La nuotatrice delle Fiamme Oro e dell'Aurelia Nuoto sarà in acqua anche domenica per le batterie di qualificazione dei 400, sperando di raggiungere la finale, prevista per il pomeriggio stesso. Prima però c'è una medaglia da conquistare per sancire la definitiva e potente rinascita.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma