Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fiera mondiale del peperoncino, si alza il sipario sull'undicesima edizione presentata al Mipaaf

Fiera mondiale del peperoncino, si alza il sipario sull'undicesima edizione presentata al Mipaaf
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Agosto 2022, 15:17

RIETI - Un Hub di 500 mq dedicato alle eccellenze dell’agroalimentare italiano, 150 stand, oltre 500 varietà di peperoncino provenienti da ogni parte del mondo, cooking show formativi riservati alla valorizzazione del territorio e dei prodotti nazionali e spazi di confronto e di analisi fra gli stakeholder del settore, sono alcuni dei protagonisti della Undicesima edizione della Fiera Mondiale Campionaria del Peperoncino che si svolgerà a Rieti dal 24 al 28 agosto.

Le novità di questa edizione sono state presentate oggi presso la Sala Cavour del Mipaaf alla presenza del sottosegretario Francesco Battistoni, del sindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, del presidente della Provincia di Rieti, Mariano Calisse e del presidente dell’Associazione ‘Rieti Cuore Piccante’, Livio Rositani organizzatore della Fiera Mondiale Campionaria del Peperoncino.

«La Fiera del 2022 punta ad unire alla conoscenza e allo studio del prodotto, la sua sostenibilità e il suo essere un alimento che, a pieno titolo, fa parte del made in Itay e della Dieta Mediterranea» - ha dichiarato in apertura Livio Rositani, presidente dell’Associazione “Rieti Cuore Piccante”. «L’obiettivo – ha proseguito – è quello di promuovere e valorizzare le filiere, i produttori, gli agricoltori e le tipicità di questo vegetale che può vantare qualità organolettiche fra le più ampie in assoluto. La finalità di questa Undicesima edizione -  ha concluso Rositani - è far crescere il comparto e le realtà produttive locali e territoriali dalle quali partono e si sviluppano il nostro agroalimentare e le nostre filiere d’eccellenza».

«Con questo evento il Mipaaf vuole ribadire, ancora una volta, la centralità dei nostri agricoltori e della nostra industria agroalimentare che rappresentano un’eccellenza di cui essere fieri ed orgogliosi» – ha dichiarato il sottosegretario al Mipaaf, Francesco Battistoni. «Il peperoncino e le filiere produttive - ha continuato - descrivono una storia, una tradizione e una cultura della terra, che in Italia trovano la loro massima espressione. Grazie al lavoro, agli studi e alle ricerche scientifiche – ha proseguito – il comparto delle sementi vive da anni una crescita costante sia nei consumi domestici sia nell’export. Ciò - ha concluso Battistoni - ci permette di raccontare l’Italia delle eccellenze e delle sue tipicità territoriali e regionali che la rendono unica e che ci fa apprezzare nel mondo per la qualità dei nostri prodotti».

Il sindaco di Rieti Daniele Sinibaldi

«La Fiera, quest’anno in programma dal 24 al 28 agosto, rappresenta ormai uno degli eventi principali del Centro Italia e uno dei veicoli maggiori di valorizzazione turistica della nostra Città e del territorio circostante. Rieti, nei giorni della Fiera, si presenta con il suo volto migliore, pronta ad accogliere le migliaia di persone che ci faranno visita e ad utilizzare l’attrattività di questo evento per trainare la scoperta anche di tante altre ricchezze naturali, paesaggistiche, enogastronomiche e storico culturali che tutto il Reatino è in grado di offrire. Ringrazio Livio Rositani e tutti gli organizzatori che, già dallo scorso anno dopo la fase più buia della pandemia, erano riusciti a riportare in pista l’evento e quest’anno dimostrano che prosegue un importante percorso di crescita avviato ormai da tempo. Sottolineo le importanti novità di quest’anno, come il nuovo spazio dedicato all’agroalimentare del Paese, che può rappresentare una grande opportunità anche per il territorio reatino, insieme alla costruzione di filiere agricole e allo sviluppo del peperoncino autoctono ‘Sabino’. Ringrazio, infine, il Ministero e il sottosegretario Francesco Battistoni che dimostrano di aver colto appieno le potenzialità dell’evento e l’importanza che esso riveste per Rieti, non soltanto nei giorni di svolgimento ma anche per tutto ciò che può determinare nello sviluppo di nuove opportunità economiche e di promozione della nostra splendida terra».

Il presidente della Provincia Mariano Calisse

Il presidente della Provincia di Rieti, Mariano Calisse ha sottolineato l’importanza di «aprire ai nostri confini la possibilità di promuovere prodotti di nicchia e di altissima qualità. La Fiera sarà l’occasione per le nostre aziende reatine di avere un interscambio di idee e pratiche agricole anche con i colleghi provenienti dal resto d’Italia e del mondo. Per il Reatino, inoltre, è un’ulteriore occasione, dopo i Mondiali di Wakeboard al Salto per  promuovere il territorio e il turismo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA