Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sabina, svaligiata villetta: torna l'incubo furti

Furti
di Raffaella Di Claudio
3 Minuti di Lettura
Domenica 11 Luglio 2021, 00:10 - Ultimo aggiornamento: 10:43

RIETI - Entrano da una finestra al primo piano di una villetta e la svaligiano. E’ accaduto, nella notte tra venerdì e sabato, nelle campagne di Passo Corese, e il bottino è di qualche migliaio di euro in preziosi. Il via libera concesso a livello sociale con la possibilità di tornare a spostarsi dopo il periodo di stop vissuto durante l’emergenza Covid sembra mostrare l’altra faccia della medaglia. Da giugno, specie nelle zone più isolate del comune di Fara Sabina, si stanno registrando diversi furti.

In questo caso, la zona colpita è Valle Falsa, nei pressi del polo della logistica della prima frazione farense. Ma è solo l’ultimo furto, in ordine di tempo, denunciato nel comune dove nei giorni scorsi sono state prese di mira altre abitazioni in diverse zone del territorio: a Coltodino, in località San Cesareo, in località Difesa e nella frazione di Corese Terra. 

A Valle Falsa, il furto si è verificato in viale Europa, vicinissima all’insediamento della logistica. Era successo non più tardi di un mese con le stesse modalità ai danni di altre due abitazioni. I malintenzionati, come ieri, entrarono forzando una finestra più appartata della casa, ma in quell’occasione non poterono portare via nulla, disturbati, in entrambi i casi, dal rientro dei proprietari. Nella notte tra venerdì e sabato invece il disegno dei malviventi si è compiuto. Con probabilità, sono riusciti a raggiungere la villetta passando per i campi circostanti e senza passare per le strade principali.

Ad agevolare il colpo è stato il fatto che quando hanno agito i ladri, sicuramente più di due, la casa era disabitata perché il proprietario era fuori comune. Hanno scelto di entrare dalla finestra più nascosta dell’abitazione, quella situata sul retro dell’immobile. Sono saltati sul balcone, hanno forzato fino a spaccarle persiane e finestre e hanno fatto irruzione all’interno. Lì, con l’unico obiettivo di portare via oro e preziosi, hanno messo a soqquadro gli arredi fino a quando non hanno trovato quello che cercavano. Hanno ispezionato tutte le stanze e trafugato diversi oggetti preziosi, soprattutto oro e orologi, per un valore di diverse migliaia di euro che ancora deve essere quantificato con esattezza. Quindi sono scappati dalla porta del piano inferiore. 

La scoperta è stata fatta ieri mattina da alcuni conoscenti che nei giorni di assenza del proprietario si stavano prendendo cura dell’orto e degli animali. Ieri mattina arrivando nell’abitazione sono stati insospettiti da una persiana aperta. A quel punto hanno avvisato il padrone di casa e i carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto che hanno effettuato il sopralluogo e raccolto la denuncia di furto, cercando di ottenere elementi utili per risalire ai responsabili del colpo. Inevitabilmente, tra gli abitanti della zona si è diffuso un clima di preoccupazione che già un mese fa, quando ci furono i due tentativi di furto, iniziava a serpeggiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA